Cronaca

Protocollo d’intesa con la Asl, i sanitari dell’Aeronautica a lezione dal 118

La firma stamattina, nell’Aeroporto di Galatina, tra il comandante del 61esimo Stormo e il direttore generale della Asl

LECCE – I sanitari dell’Aeronautica andranno a lezione dal 118 della Asl di Lecce. E’ quanto prevede il protocollo d’intesa siglato stamattina nell’Aeroporto di Galatina tra il colonnello pilota Luigi Casali, comandante del 61esimo Stormo, e Silvana Melli, direttore generale della Asl.

L’accordo viene incontro alla necessità dell’Aeronautica di addestrare il personale sanitario del 61esimo Stormo nel settore dell’urgenza ed emergenza, considerato che tra i compiti dell’infermeria del Corpo vi è l’assistenza del personale coinvolto in incidenti o infortuni. Il Servizio di emergenza urgenza sanitaria 118, diretto da Maurizio Scardia, svolge quotidianamente questa attività, per cui è in grado di offrire la migliore formazione possibile. «Il protocollo d’intesa – ha sottolineato il direttore Silvana Melli – rende tangibile l’impegno di fare sinergia con le eccellenze del territorio, di cui il 61esimo Stormo è uno dei simboli più forti. Formare il personale nel modo migliore serve per essere pronti ad ogni evenienza, aggiornati e preparati grazie all’accurata formazione fornita dal 118. Questa integrazione è di qualità perché si sta e si opera insieme sul campo, al fianco di chi coordina quotidianamente le situazioni di emergenza e urgenza. Proseguire in questo tipo di relazioni, allo stesso tempo formative ed operative, significa fare un'opera doverosa e preziosa per la comunità».

Del resto, in caso di maxi-emergenza e su disposizione della Prefettura, l’Infermeria del 61esimo Stormo sarebbe chiamata a concorrere con il proprio personale alle attività di soccorso affiancando il 118 e adottandone procedure e modalità d’intervento.

“Un compito cruciale - ha detto l’ufficiale medico Davide Marra – per i 21 uomini dell’Infermeria, tra infermieri e medici, chiamati a realizzare una sempre più forte integrazione tra sanità militare e civile. Il protocollo d’intesa appena siglato conferma la scelta portata avanti sin dal 2008 e, soprattutto, dà conto dell’importanza del coordinamento con il 118, in cui rientra anche la proficua collaborazione con il personale della Croce Rossa Italiana. Le esperienze passate del traghetto Norman Atlantic, dei grandi eventi e, nel prossimo autunno, l’esercitazione Fenice, hanno dimostrato e continueranno a farlo che integrare forze e competenze consente di fare un lavoro migliore».

L’addestramento consisterà in una parte teorica e una pratica con la presenza di personale militare negli equipaggi del 118 e avrà anche lo scopo, non secondario, di favorire nel futuro l’integrazione della sanità militare dell’Aeronautica nella rete delle emergenze del territorio della provincia, in caso di calamità o eventi particolarmente gravi che richiedano l’intervento di risorse supplementari.

«Questa attività rientra nella vision dell’Aeronautica – ha concluso il comandante del 61esimo Stormo, Luigi Casali – come Arma capace di mettere a fattor comune risorse utili per la vita pubblica. Crediamo moltissimo in queste iniziative, tanto più utili per eventi di rilievo come quello che si svolgerà in agosto a San Cataldo, dove avremo le Frecce Tricolori. Il nostro ruolo è dunque essere pronti, al fianco di Istituzioni sempre più coese e al servizio del Paese».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protocollo d’intesa con la Asl, i sanitari dell’Aeronautica a lezione dal 118

LeccePrima è in caricamento