Cronaca

Prova ad entrare in tribuna est armato di un coltello, denunciato

Il giovane, originario di Mola di Bari, ma domiciliato nel capoluogo salentino, è stato fermato nel corso delle operazioni di filtraggio, prima della gara con il Napoli. La lama era lunga 18 centimetri. Verrà sottoposto a Daspo

 

LECCE – Un mercoledì di calcio da vivere assiepato sui gradoni della tribuna est, insieme con altri 18mila tifosi che ieri hanno popolato il “Via del Mare” per il recupero di Lecce-Napoli, ma non con un panino per spezzare la fame, quanto, piuttosto, con un coltello di genere proibito nelle tasche, munito di punta e con lama lunga ben 18 centimetri. Il pomeriggio di A.A., 28enne, originario di Mola di Bari, ma domiciliato a Lecce, s’è concluso con il sequestro dell’arma bianca e con una denuncia a piede libero per porto abusivo, con l’aggravante dal particolare contesto: la partita, appunto.

Il 28enne è stato scoperto nel corso delle normali operazioni di filtraggio, pochi minuti prima del fischio d’inizio, all'ingresso numero 9. Il metal-detector ha rivelato la presenza di qualche oggetto da verificare meglio e da vicino, ed è così che è spuntato il coltellaccio.

La palla, a quel punto, è passata dagli steward agli agenti di polizia in servizio d’ordine, che, colto l’assist, hanno sequestrato il coltello, chiedendo quali fossero le sue intenzioni. Sembra che il 28enne abbia abbozzato poche parole, pensando che potesse veramente entrare in uno stadio con un coltello.

Scuse vane e, chiaramente, inutili, fosse anche stata vera la sua ignoranza in materia di leggi sulla sicurezza nei luoghi sportivi. La vicenda avrà chiaramente un seguito, giacché per questa pericolosa bravata, gli sarà quasi certamente comminato il Daspo, con divieto di entrare in uno stadio per un lungo lasso di tempo.         

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prova ad entrare in tribuna est armato di un coltello, denunciato

LeccePrima è in caricamento