Cronaca

Provocò incidente in cui perse la vita una coppia, patteggia condanna a due anni

Ha patteggiato una condanna a due anni (pena sospesa), l'uomo accusato di aver provocato l'incidente stradale in cui il 2 dicembre 2012, sulla circonvallazione di Veglie, alla confluenza fra due strade provinciali, persero la vita Palmiro Cuna, 64enne, e Rosanna Corallo, 52enne

L'incidente in cui morì la coppia.

LECCE – Quella del 2 dicembre 2012 fu una tragica domenica di sangue sulle strade del Salento. Poco dopo mezzogiorno, sulla circonvallazione di Veglie, alla confluenza fra due strade provinciali, la Novoli-Veglie e la Leverano-Salice Salentino, ci fu uno scontro violento, tra la parte anteriore di una Renault Scenic e lo sportello sinistro di una Toyota Yaris. Per un uomo e una donna di Lecce, Palmiro Cuna, 64enne, e Rosanna Corallo, 52enne, non ci fu nulla da fare.

Per quell’incidente mortale il conducente della Scenic, Carlo Bax, 62enne di Salice Salentino (che a sua volta rimase ferito), oggi ha patteggiato una condanna a due anni di reclusione (pena sospesa). La sentenza di patteggiamento è stata emessa dal gip Simona Panzera. Il 62enne, che risponde di omicidio colposo per violazione del codice della strada, è assistito dagli avvocati Vincenzo Magi e Aldo Putignano.

Palmiro Cuna e Rosanna Corallo viaggiavano a bordo della Yaris, provenienti dalla zona di Novoli e in direzione di Veglie. Secondo quanto stabilito da una consulenza tecnica, la Scenic, che viaggiava a velocità elevata, andò a scontrarsi contro lo sportello sinistro dell’auto della coppia di leccesi.

Un impatto di rara violenza, a causa del quale il 64enne e la 52enne rimasero incastrati fra le lamiere, dopo che l'auto andò ad impattare anche contro un muro di cinta di un podere, perdendo la vita in pochi istanti. Inutile per loro ogni soccorso. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provocò incidente in cui perse la vita una coppia, patteggia condanna a due anni

LeccePrima è in caricamento