Giovedì, 17 Giugno 2021
Cronaca

Provvedimento di demolizione ma continua a costruire

Nel 2000 avrebbe dovuto demolire la sua abitazione per abusivismo edilizio ma in barba a quel provvedimento è andato avanti con i lavori. Fino a quando la guardia di finanza ha posto ancora i sigilli

f-22

PATU' - E pensare che nel 2000 avrebbe dovuto demolire la sua abitazione per abusivismo edilizio ma in barba a quel provvedimento è andato avanti con i lavori. Solo che ora i margini per mantenere in piedi l'immobile nella marina di Patù si sono ridotti ancor più. Tutto abusivo, infatti, per l'abitazione di 68 metri quadrati, affaccio sul mare, stanze in fase di realizzazione da destinare box, doccia, lavanderia ed altri servizi. Con il proprietario, un 50enne del luogo, che aveva pensato di costruire "fai da te". E i finanzieri della Tenenza di Leuca hanno posto i sigilli sulla bella casetta al mare.

Tuttavia, dagli accertamenti eseguiti dalle fiamme gialle presso l'ufficio tecnico comunale di Patù, la questione è risultata più vecchia di quanto si creda. E' emerso, infatti, che in passato, lo stesso proprietario aveva ricevuto, in relazione alla medesima abitazione, un provvedimento di demolizione, a seguito di una sentenza di condanna nel 2000 per abusivismo edilizio, però senza mai ottemperarvi. Quindi, nel caso specifico, i finanzieri si sono trovati di fronte ad immobile che, invece di essere abbattuto, è stato ulteriormente rifinito ed ampliato dal proprietario, con l'aggiunta di nuovi manufatti tutto intorno.


Ai finanzieri non è restato altro che informare l'autorità giudiziaria di quanto accaduto e procedere al sequestro penale delle opere abusive, denunciando il proprietario alla Procura della Repubblica di Lecce per violazione alle norme in materia edilizia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Provvedimento di demolizione ma continua a costruire

LeccePrima è in caricamento