Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Abusi ad opera del padre: consulente conferma credibilità della bimba

Marilena Mazzolenti, psicologa infantile, avrebbe attestato davanti al gup Vincenzo Brancato la capacità della presunta vittima di testimoniare. A nove anni avrebbe subito da parte del genitore, ex poliziotto, le violenze raccontate nelle scorse settimane

LECCE – Una presunta storia di abusi che dalla Russia approda fino al Salento, sponda Nardò. Al centro della delicata vicenda un ex poliziotto, ora in congedo, originario del capoluogo neretino, iscritto nel registro degli indagati con la più infamante delle accuse: quella di aver abusato della figlia di nove anni.

Una storia ancora tutta da scrivere e da dimostrare, che oggi, nel corso dell'incidente probatorio dinanzi al gip Vincenzo Brancato, ha avuto nuovi riscontri. Dopo che la bimba, infatti, nelle scorse settimane aveva confermato gli abusi, ad essere ascoltata è stata la psicologa infantile Marilena Mazzolini, cui era stato conferito l’incarico di esaminare la presunta vittima, stabilire l’attendibilità della bimba e la capacità di ricostruire gli eventi. Il consulente di origine romane ne avrebbe attestato l'idoneità..

L’indagato, assistito dall’avvocato Giuseppe Bonsegna, ha sempre respinto le accuse sostenendo che la piccola, che spesso aveva degli incubi, non abbia mai subito gli abusi ma li abbia solo sognati. Sarà il magistrato titolare del procedimento a stabilire se procedere nei confronti dell’uomo.

La bimba è nata dalla relazione tra l’ex poliziotto neretino e una collega russa. Entrambi prestavano servizio presso l’ambasciata italiana. Dopo la fine del rapporto, l’uomo è tornato nel Salento, dove la donna ha accompagnato la figlia per permetterle di incontrare il padre. Gli abusi sarebbero avvenuti proprio in queste occasioni.

I fatti contestati sarebbero avvenuti l’estate dello scorso anno. In una sera di giugno la bambina, in evidente stato di agitazione, avrebbe telefonato alla madre raccontandole di strani atteggiamenti molesti palesati dal padre. La donna chiese l’immediato intervento degli agenti del commissariato di Nardò che, giunti sul posto, trovarono l’ex collega profondamente addormentato. La bimba sarebbe stata ascoltata una prima volta dal pubblico ministero inquirente, cui non solo avrebbe confermato le accuse relative a quella notte, ma aggiunto anche nuovi episodi di presunte molestie.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusi ad opera del padre: consulente conferma credibilità della bimba
LeccePrima è in caricamento