rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Cronaca Melissano

Pulsanti e leve per "camuffare" i videogiochi, scattano i sequestri

L'illecito scoperto in un'attività commerciale di Melissano, gestita da una donna di 36 anni. Il movimento dietro al bancone non è sfuggito agli agenti di polizia, entrati per un sopralluogo. A Lecce, invece, denunce per spaccio

 

MELISSANO – Un sistema a pulsanti per alterare i videogiochi e mostrare una schermata normale, sotto la quale se ne cela una di un gioco illecito. Di sistemi analoghi ne sono stati scoperti diversi, nel tempo, ma particolarmente ingegnoso era quello usato in un esercizio commerciale di Melissano, gestito da una donna di 36 anni originaria di Gallipoli, P.A.N., alla quale è stata comminata una sanzione amministrativa. Il sopralluogo è stato svolto dagli agenti di polizia del reparto prevenzione crimine “Puglia meridionale”, nel corso di un più ampio controllo disposto dal questore in più luoghi della provincia di Lecce.

All’ingresso del locale, i poliziotti hanno notato che la donna, con una mossa fulminea del piede, schiacciava un pulsante posto dietro il banco mescita, disattivando così due videogiochi che erano in una saletta attigua. Il movimento non è sfuggito agli agenti, che hanno provveduto a riattivare i due apparecchi. Questi, inizialmente pare abbiano ripreso a funzionare normalmente, mostrando una schermata in apparenza regolare.

Foto-0001-2Tuttavia, eseguendo una particolare combinazione delle leve presenti sui dispositivi (nello specifico, spingendo in avanti una alla volta, alternandole, le due leve, partendo da quella di sinistra, ognuna per quattro volte) la schermata dei videogiochi è cambiata, raffigurando rulli virtuali con combinazione di biglie colorate e numerate, tipo quelle utilizzate nel gioco della bazzica.I due videogiochi sono stati posti sotto sequestro, l’illecito sanzionato.

Nel corso dei servizi, in altri contesti, gli investigatori della squadra mobile, al termine di attività di indagine ed osservazione, hanno invece svolto una perquisizione personale e domiciliare nei confronti di due giovani, C.A., di 23 anni, e R.R., di 28 anni, entrambi di Lecce, i quali sono stai denunciati a piede libero poiché trovati in possesso di 0,9 grammi di sostanza stupefacente, verosimilmente eroina. Inoltre, sono stati controllati circa 250 persone, cento veicoli ed elevate quattro contravvenzioni al codice della strada; in un caso è stato posto sotto sequestro un veicolo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pulsanti e leve per "camuffare" i videogiochi, scattano i sequestri

LeccePrima è in caricamento