Cronaca

Punta da un insetto sulle carrozze del Torino-Lecce

La donna punta da un insetto che le ha procurartoun arrossamento sulla pelle. Giunta nella stazione di Lecce si è rivolta alla polizia ferroviaria ma i controlli della Asl hanno dato esito negativo

Non sarà stato certo un viaggio di piacere per una signora passeggera sull'espresso 910 Torino-Lecce, in partenza dal capoluogo piemontese nella serata di ieri e arrivato a Lecce questa mattina. Quando il convoglio nella notte percorreva la tratta emiliana, la signora è stata punta da un insetto e sulla pelle in pochi istanti è spuntato un forte arrossamento. Il dolore, da quanto si è appreso, è stato piuttosto lancinante e sulle prime si è sparsa anche la voce che l'insetto incriminato potesse essere una zecca. Il convoglio dopo 12 ore di viaggio ha raggiunto il capolinea, la stazione di Lecce e gli agenti della polfer hanno chiesto l'intervento dei tecnici dell'Asl per effettuare un'ispezione all'interno delle carrozze. Non sarebbe stata riscontrata alcuna anomalia e non sono stati segnalati strane presenze. Rimane, però, un episodio anomalo sui treni, alcuni dei quali, forse, ormai troppo obsoleti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Punta da un insetto sulle carrozze del Torino-Lecce

LeccePrima è in caricamento