Emergenza attentati in città: quattro auto e un negozio devastati dal fuoco

Paura tra la notte e l'alba, a Lecce per due raid incendiari. Sul luogo dell’accaduto sono intervenuti i vigili del fuoco del comando provinciale e le forze dell’ordine

Le auto devastate all'alba.

LECCE – Emergenza attentati incendiari: altre quattro auto e un'attività commerciale devastati dal fuoco nelle ultime ore. Pochi minuti dopo le 5, infatti, un rogo ha distrutto i mezzi che si trovavano parcheggiati in via Antonio Zimbalo, a Lecce, nei pressi del discount "Lidl" di via Taranto. Il fuoco è partito inizialmente da una Citroen C5, intestata a un ex dipendente della Polizia di Stato in pensione, in passato in servizio fuori città.

Le fiamme si sono propagate velocemente ad altre quattro auto, coinvolgendo, lievemente, anche un quinto mezzo. A riportare i danni più ingenti, oltre alla vettura del pensionato, una Mercedes Classe A andata completamente distrutta. Ma non è tutto. L’accaduto ha arrecato conseguenze notevoli anche a una tubatura della zona: a causa dell’incendio, infatti, si è verificata una fuoriuscita di gas.

Immediato l’intervento del 115 e del personale della ditta specializzata per riparare il guasto e contenere le conseguenze. Sul luogo dell’accaduto, i vigili del fuoco del comando provinciale, assieme agli agenti di polizia della sezione volanti e ai colleghi della squadra mobile leccese. Anche un esercizio, in via Francesco Petrarca, nei pressi di Piazza Ludovico Aristo, è stato avvolto dal fuoco, fatto divampare da ignoti. Si tratta di una attività che si occupa della riparazione di piccoli elettrodomestici, “C.a.e”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IMG_4022-2I malviventi hanno cosparso di liquido infiammabile l’uscio dell’esercizio e poi hanno appiccato il fuoco. I danni, fortunatamente, non sono ingenti: l'infisso metallico è stato annerito dal fumo e dal calore e il marmo dell’uscio leggermente danneggiato. Il personale della questura leccese, dopo un primo sopralluogo, ha già recuperato diversi filmati nei quali i piromani sarebbero stati immortalati. Gli inquirenti sperano in una svolta a stretto di giro di posta, per incastrare gli autori del raid incendiario. L’ennesimo, negli ultimi giorni, nel nord Salento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

  • Tragedia in ospedale: si lancia dal quarto piano, muore donna 73enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento