menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Colpo di pistola sulla gomma e fuga in scooter. È la seconda intimidazione

A Racale, in via Varsavia, rinvenuto un bossolo calibro 7.65. A fine maggio del 2020 alla stessa vittima, un idraulico, avevano perforato a colpi d'arma la serranda di un garage

RACALE – Un solo colpo di pistola, verso una ruota posteriore. Un avvertimento in piena regola e nemmeno il primo ai danni dello stesso uomo. Ma per quale motivo? Chi c’è dietro a queste ripetute intimidazioni? È quanto cercheranno di scoprire i carabinieri della stazione di Racale e della compagnia di Casarano che, quest’oggi, sono intervenuti in via Varsavia, una zona semicentrale del comune del basso Salento dove s’è verificato il particolare e inquietante episodio.

A finire “fuorigioco” la vettura di un idraulico 33enne del posto. Era lì parcheggiata. È stata la stessa vittima a chiamare il 112, dopo che in zona si è udito chiaramente il rumore di un colpo d’arma da fuoco e ha scoperto uno degli pneumatici a terra. Sul posto, oltre i militari della stazione racalina, sono intervenuti anche i carabinieri della Sezione operativa di Casarano.

I carabinieri hanno rinvenuto un bossolo di pistola, calibro 7.65, che è stato sequestrato. E l’accertamento non è finito lì. Nella zona, infatti vi sono alcune videocamere che hanno permesso di ricostruire, almeno in parte, quanto avvenuto. Sembra che nelle immagini, infatti, appaiano all’improvviso due soggetti a bordo di uno scooter, con l’uomo seduto alle spalle del conducente che, una volta all’altezza dell’auto, estrae all’improvviso un’arma e fa fuoco una volta. Quanto basta per lasciare un “messaggio”.

Difficile, però, stabilire anche l’identità su due piedi, considerando che i due avrebbero indossato caschi integrali. Al momento non vi sono molte altre informazioni sul caso, anche perché lo stesso 33enne non avrebbe saputo fornire indicazioni su persone sospette ed eventuali minacce ricevute. Eppure, verso la fine del maggio del 2020, era già stato destinatario di un’azione analoga, visto che aveva ritrovato la serranda di un garage di sua proprietà perforata da due colpi di pistola. Il caso, ora, si fa più fitto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento