Domenica, 20 Giugno 2021
Cronaca

Radar nel parco: il Tar di Lecce ribadisce sospensione

Dopo la misura del 28 maggio scorso, i giudici amministrativi salentini confermano il decreto che sospende la costruzione del radar costiero della Finanza in un'area a ridosso del parco regionale

il_sito_del_cantiere_per_il_radar[1]

GAGLIANO DEL CAPO - Il Tar di Lecce conferma il decreto di sospensione per la costruzione di un radar costiero di profondità nel parco naturale Otranto-Santa Maria di Leuca: il 28 maggio, infatti, il tribunale amministrativo, con specifico provvedimento del presidente della prima sezione Antonio Cavallari, aveva sospeso l'efficacia della nota comunale del 1° febbraio, che autorizzava i lavori di installazione dell'infrastruttura di proprietà della Guardia di Finanza, in località "Sciuranti", a Gagliano del Capo (https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=27880 ).

Ieri, 16 giugno, il tribunale ha discusso la questione, rafforzando la tesi della prima sospensione. Nello specifico, si tratta di un sito vincolato paesaggisticamente, posto a soli 75 metri dal confine del Parco naturale regionale "Otranto - Santa Maria di Leuca". A tutela del sito, un comitato di cittadini, che, insieme alle associazioni Legambiente, Italia Nostra, Turismo verde Cia, Federconsumatori, Cgil, Gaia, Sos Costa Salento, Pro Loco, Auser e Critical Food, hanno inoltrato un ricorso, facendo sistema per cercare di preservare l'ambiente, evitando l'installazione di quello che viene visto come "un ecomostro in metallo alto 36 metri (come un palazzo di dieci piani)".


Con l'ordinanza depositata in data odierna, viene di fatto sospeso il parere della Soprintenza ai beni architettonici e paesaggistici delle province di Brindisi, Lecce e Taranto, che si era espressa positivamente valutando non l'interesse paesaggistico, ma le esigenze di difesa nazionale. Il Tar ha rinviato la trattazione nel merito al prossimo 20 ottobre. Il Comitato e le associazioni plaudono alla conferma della sospensione, ottenuta dopo la presentazione del ricorso proposto da Legambiente e affidato ai legali, Mario Tagliaferro e Anna Baglivo (https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=27782 ).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Radar nel parco: il Tar di Lecce ribadisce sospensione

LeccePrima è in caricamento