Cronaca

Raddoppio della statale "275": ora si può partire

Il Cipe ha reperito e stanziato i fondi, giungendo poi all'approvazione del progetto per come era stato modificato e oggi via libera alla gara d'appalto, che presto si concretizzerà con l'avvio lavori

Sezione_Stradale-01[1]

LECCE - Sembra ormai giungere ad una svolta, incrociando le dita, si spera quella definitiva, la lunga storia della "275", il raddoppio della Maglie-Otranto, una ventina di chilometri pericolosissimi per la sicurezza stradale che hanno visto per anni politici, comitati di residenti ed ecologisti ribattersi a vicenda le la necessità e meno di realizzare quel progetto.

Ora, attraverso un comunicato diramato da Palazzo dei Celestini, il presidente della Provincia di Lecce fa sapere che dopo il sì del Cipe - lo scorso 31 luglio proprio il Comitato interministeriale per la programmazione economica aveva approvato il progetto definitivo dell'ammodernamento della statale con un finanziamento di 288 milioni di euro - l'Anas metterà subito a gara l'appalto, stringendo i tempi sulla realizzazione dell'opera e prevedendo uguale brevità d'iter per la Maglie - Otranto, finanziata per altri 80 milioni di Euro".


Con la gara per l'appalto integrata relativa poi all'ammodernamento della Maglie - Santa Maria di Leuca e l'assegnazione dei lavori per la Maglie - Otranto, "si realizza un tratto importante di quella 'Mediana del Salento' - dice Gabellone - al centro della nostra piattaforma programmatica per la legislatura, in grado di unire uomini, turisti, flussi economici, merci e prodotti dall'Adriatico allo Ionio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raddoppio della statale "275": ora si può partire

LeccePrima è in caricamento