“Meditate che questo è stato”: i ragazzi della scuola media di Castro in ricordo della Shoah

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Una giornata per non dimenticare le vittime della Shoah, delle leggi razziali e delle persecuzioni, ma anche per ricordare quanti si sono opposti al progetto di sterminio e a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.

La Giornata della memoria, il 27 gennaio, rappresenta un momento molto intenso, un'occasione per fermarsi e riflettere su quanto accaduto, ricordare la tragedia dello sterminio nazista, interrogarsi sulle dinamiche di quegli anni, sulle colpe di chi ha dato vita a tutto questo e di chi ha convissuto con indifferenza e rassegnazione con quanto stava accadendo, ma anche ricordare e mantenere vivo il messaggio di chi ha lottato per fermare le persecuzioni, quello di ragionare, indignarsi, opporsi alle ingiustizie e alle discriminazioni, anche oggi, nella vita di tutti i giorni.

Gli studenti della Scuola Secondaria di 1° grado di Castro propongono per l'occasione un intenso momento di riflessione. I ragazzi, coordinati dai docenti, interpretano sul palco i temi che hanno trattato a scuola.

L'iniziativa "MEDITATE CHE QUESTO È STATO" è realizzata dalla Piccola Officina Teatrale di Castro nell'ambito delle attività di laboratorio teatrale scolastico, con il sostegno del Comune di Castro e della Pro Loco di Castro, e con il pieno appoggio del Dirigente Scolastico Prof. Pasquale Ciriolo.

L'appuntamento è per il 27 gennaio 2014, alle ore 17:30, nella sala cine-teatro della ex palestra di Via di Mezzo a Castro, ingresso gratuito.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento