rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca Viale Felice Cavallotti

Ragazzo con lieve ferita. "Inseguito e colpito alla mano nella Villa comunale"

"Ce c... me sta uardi?", gli avrebbe detto un ragazzo. Nel diverbio, sarebbe spuntata una mazza di ferro. La vittima, un ragazzo che si è recato presso una farmacia nelle vicinanze, rifiutando però le cure mediche. E' stato il padre a condurlo in ospedale. Ascoltato sommariamente dalla polizia

LECCE – Sarebbe stato aggredito da un ragazzo armato di un bastone di ferro, non molto più grande di lui d’età, per motivi ancora poco chiari. Forse per un semplice diverbio, condito da tutto l’ardore della giovane età. Tutto questo alle prime luci della sera, intorno alle 18, all’interno della Villa comunale di Lecce.

Una cosa è certa: un 18enne di Lecce, N.M., è rimasto lievemente ferito alla mano, ma si tratta di un livido superficiale, qualcosa che in ospedale viene classificato come codice bianco. A portarlo al pronto soccorso del “Vito Fazzi” di Lecce, è stato direttamente il padre, andatolo a prendere nelle vicinanze dopo aver appreso la storia. La vicenda è ancora in via di ricostruzione precisa. Per ora il giovane è stato solo ascoltato sommariamente dagli agenti di una volante di polizia, che si sono recati in ospedale, e che devono vagliare l'attendibilità del racconto.

Tutto sarebbe nato a seguito della classica frase: “Ce c… me sta uardi?”, gli avrebbe detto l’altro giovane, dopo averlo seguito, rifilandogli quindi quel colpo a una mano. Il 18enne, a quel punto, sarebbe uscito a passo svelto dalla Villa, rifugiandosi all’interno di una farmacia nelle vicinanze, in via Felice Cavallotti. Lì, però, pare abbia rifiutato le cure mediche. E’ stato però il genitore a condurlo presso il pronto soccorso. Nelle prossime ore potrebbe essere depositata una denuncia a carico di ignoti.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazzo con lieve ferita. "Inseguito e colpito alla mano nella Villa comunale"

LeccePrima è in caricamento