Ragazzo disabile vaga da solo nel buio, un automobilista lo soccorre

Il 20enne, con problemi psicofisici, trovato a Lido Conchiglie. L'uomo ha chiamato il 112. Era sconvolto per la morte del nonno

Foto di repertorio.

LIDO CONCHIGLIE – Vagava da solo, nel buio più pesto, sulla via per Sannicola, nei pressi di Lido Conchiglie. Con il rischio di essere travolto. La madre non era nemmeno a conoscenza del fatto che si fosse allontanato da casa. Per fortuna è stato un automobilista premuroso a capire che qualcosa non andava.

Ha trovato la situazione del tutto anomala, anche perché quel ragazzo sembrava in qualche modo in difficoltà. Tanto che l’uomo alla guida dell’auto s’è fermato per chiedergli se avesse bisogno di aiuto. Il giovane, 20 anni, per tutta risposta, si è anche spaventato. E a quel punto l’automobilista ha deciso di contattare il 112.

Tutto è successo intorno alle 20,40 di ieri. L’automobilista ha sottolineato alla centrale operativa dei carabinieri la particolare pericolosità della strada, perché realmente avvolta nell’oscurità, ma anche l’atteggiamento intimidito del giovane. Sul posto è così arrivata nel più breve tempo possibile una gazzella del Norm di Gallipoli. I militari hanno identificato il ragazzo, un 20enne con problemi psicofisici, e attraverso le informazioni che ha fornito, sono riusciti a ottenere il numero di cellulare della madre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La donna, contattata, ha spiegato di non sapere nulla del suo allontanamento, che era impossibilitata  in quel momento a raggiungerlo per riaccompagnare a casa, e anche riferito che negli ultimi tempi, a causa della morte del nonno, che amava molto, il ragazzo aveva perso “il suo punto di riferimento”.  I due militari hanno quindi rassicurato quel ragazzo che aveva bisogno di serenità e di qualche parola di conforto. Gli hanno offerto una barretta di cioccolato e hanno atteso con lui l’arrivo dei parenti, che l’hanno preso in custodia, riaccompagnandolo a casa sano e salvo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento