Sfila con violenza il Rolex a una donna: la vittima finisce sull’asfalto

La rapina nel pomeriggio, non distante da viale Francesco Lo re, a Lecce. L’aggressore è stato bloccato dalla polizia locale: è lo stesso fermato in altre due occasioni nei giorni scorsi

Foto di repeprtorio.

LECCE – Sfila con violenza l’orologio a una passante: questa, strattonata, finisce sull’asfalto. Pomeriggio da incubo per una donna che intorno alle 18,30 si trovava in via Brunetti, una traversa di viale Francesco Lo Re. Un 28enne di origini bengalesi, Mohamed Parvez, a Lecce in quanto richiedente asilo e senza fissa dimora, l'ha avvicinata per poi impossessarsi con prepotenza di un Rolex che la 43enne indossava al polso. Si tratta dello stesso individuo già fermato in altre due occasioni durante i giorni scorsi.

Questa volta, gli agenti di polizia locale lo hanno colto sul fatto e ed è scattato l'arresto. Il personale di viale Rossini, infatti, è stato richiamato dalle urla e lo ha immediatamente bloccato. In quell’istante, infatti, una pattuglia stava transitando dal luogo teatro dell’accaduto. Urgenti i soccorsi prestati alla malcapitata, raggiunta anche da un’ambulanza del 118 per essere medicata. Fortunatamente non ha riportato gravi conseguenze: alcune escoriazioni e sicuramente tanto spavento. Prognosi: dieci giorni. 

L’aggressore è stato accompagnato presso il comando di viale Rossini, per essere identificato. Su disposizione del pm di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce, l’uomo è stato ammanettato per il reato di rapina e condotto nel carcere di Lecce a tarda ora. Esattamente dieci giorni addietro, era stato nuovamente bloccato, senza neppure opporre resistenza, dopo aver mandato in frantumi le vetrine di una caffetteria in pieno centro. E, ancora prima, per aver danneggiato quelle di ben cinque esercizi, non molto distante da piazza Mazzini. Nel dicembre scorso, invece, si era reso responsabile di un tentativo di aggressione nei confronti di una agente della polizia locale e del danneggiamento della vettura di servizio del comando e di due volanti della questura.

"Ringrazio gli agenti che con la loro prontezza sono riusciti ad intervenire e neutralizzare un soggetto pericoloso che da più giorni era motivo di preoccupazione per i cittadini residenti nel quartiere Centro – dichiara l'assessore alla Polizia locale e sicurezza Sergio Signore –; la polizia locale è presidio di sicurezza e protezione per i cittadini, in particolare di fronte alle prevaricazioni e alle prepotenze nei confronti dei soggetti più indifesi. Le attività quotidiane di pattugliamento della città deserta a causa del Covid-19 sono un fortissimo messaggio di sicurezza nei confronti dei cittadini”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento