Cronaca

Rapina al market: fermo non convalidato, ma disposta un'ordinanza

Resta in carcere Giovanni Calò, il 31enne accusato dalla polizia di essere complice di un 27enne in un episodio criminale

LECCE – Non è stato convalidato il fermo d’indiziato di delitto, probabilmente perché non è stato ravvisato il pericolo di fuga, ma è comunque stata disposta un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di Giovanni Calò, il 31enne nativo di Copertino, senza fissa dimora. Così ha stabilito il giudice il giudice per le indagini preliminari Edoardo D’Ambrosio.  

L’uomo è ritenuto complice di Mirko Maiorano, 27enne di Monteroni di Lecce, nella rapina avvenuta nel pomeriggio del 17 novembre scorso ai danni del supermarket “Mello” di Monteroni, in via Alcide De Gasperi, usando un fucile.

Mentre Maiorano era stato fermato la sera stessa del colpo dalla squadra mobile, Calò è stato rintracciato dopo indagini a Santa Caterina, marina di Nardò. I poliziotti, che già maturavano sospetti su di lui, avuto sentore che stesse cercando riparo da qualche parte dopo l’assalto, sono riusciti a individuare l’abitazione dove si era rifugiato, aiutati anche dai colleghi del commissariato neretino. Il 31enne è difeso dall’avvocato Cosimo D’Agostino.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina al market: fermo non convalidato, ma disposta un'ordinanza

LeccePrima è in caricamento