Martedì, 3 Agosto 2021
Cronaca Via Guglielmo Marconi

Armati di pistola nel negozio di autoricambi. Baby rapinatori scappano con 500 euro

Una coppia di ragazzi, entrambi con il volto coperto da passamontagna scuro, sono entrati nella rivendita di pezzi per auto e, sotto la minaccia dell'arma, hanno costretto il titolare a consegnare l'incasso. Poi la fuga a bordo di un'Alfa 147 di colore nero

Il luogo della rapina

SAN PIETRO IN LAMA  -  E’ un’ora allettante quella delle 13. Invitante per due giovani rapinatori che, approfittando della chiusura e della strada semideserta, hanno fatto “visita” al negozio di autoricambi al civico 39 di via Guglielmo Marconi, a Dragoni, frazione di Lequile.

La coppia di malviventi, entrambi con il volto coperto da passamontagna scuro e, particolare ancora più inquietante, entrambi armati di pistola, si è presentata presso i locali della rivendita di pezzi per veicoli, di proprietà di Antonio Rizzo, 51enne di San Cesario di Lecce. Con l’arma in pugno hanno minacciato sia il titolare, sia un operaio presente all’interno, costringendo la vittima a consegnare l’incasso della giornata: una somma di circa 500 euro.

Intascati i contanti, rapidamente e senza battere ciglio, hanno imboccato l’uscita per poi montare a bordo di un’Alfa 147 di colore nero, dirigendosi verso l’accesso alla vicina strada statale 101, nei pressi della discoteca “Planet” di Lequile, comune confinante.

I carabinieri di San Pietro in Lama si sono messi immediatamente sulle tracce dei rapinatori,  sebbene il numero di targa sia sfuggito ai due uomini presenti nell’esercizio al momento del colpo. Da una prima, sommaria descrizione fornita, i malviventi non sarebbero che ragazzini, probabilmente della zona, visto il marcato accento locale. Le ricerche proseguono a tutto spiano, anche con la collaborazione dei colleghi del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Lecce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Armati di pistola nel negozio di autoricambi. Baby rapinatori scappano con 500 euro

LeccePrima è in caricamento