menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Slot machine (repertorio).

Slot machine (repertorio).

Primavera inaugurata dalle rapine: immobilizzano barista e fuggono con le macchinette

All'alba, il titolare di una caffetteria di Cutrofiano si è ritrovato davanti a tre individui incappucciati nel locale: "Stati fermo e non ti facciamo nulla"

CUTROFIANO  - “Stai fermo e non ti succederà nulla”. Con queste parole, ma pronunciate in dialetto strettamente salentino, è cominciata la giornata di lavoro di un barista di Cutrofiano. Intorno alle 5,20, infatti, tre individui hanno atteso l’apertura della caffetteria “Era ora”, in via Carlo Alberto Dalla Chiesa, e minacciato E.B., un 35enne del posto. E’ stato quest’ultimo a rivolgersi agli agenti del commissariato locale, chiedendo aiuto. Poco prima, infatti, la banda avrebbe fatto irruzione nel suo locale. Dopo aver aperto la porta di ingresso, tre individui con i volti coperti da passamontagna, ma senza arma, gli hanno intimato di stare fermo.

Uno dei tre è rimasto per tenere sotto controllo il titolare, mentre gli altri due hanno raggiunto il retro del bar,  per prelevare una macchinetta cambia soldi posta vicino al bagno dove erano anche presenti due slot machine. I due malviventi hanno caricato velocemente il dispositivo a bordo di un’autovettura station wagon, di colore scuro, e sono stati visti scappare nell’entroterra salentino, in direzione di Sogliano Cavour, lungo una strada provinciale. Sono riusciti a far perdere le proprie tracce giunti ormai all’altezza di contrada Badia, in aperta campagna.

Gli agenti coordinati dal vicequestore aggiunto Giovanni Bono, apprese le prime utili informazioni, hanno avviato assieme ai colleghi delle volanti un’attività di pattugliamento della zona. Sono stati allestititi posti di blocco, alla ricerca dei tre rapinatori. Sono stati descritti come piuttosto giovani d’età, di corporatura muscolosa, e di altezza compresa tra il metro e 75 e il metro e 80 centimetri. Stando alle prime descrizioni fornite agli inquirenti, indossavano dei jeans e delle maglie nere: abbigliamento che ora potrebbe anche essere confermato dalle riprese dei sistemi di videosorveglianza, installati nell’isolato. Non sono neppure trascorse 24 ore dall’altro intervento effettuato dagli agenti di Galatina, che nella serata di ieri si è trasformata nel set di un film western. Intorno alle 19,30, infatti, malviventi a bordo di un’Audi A6, sono stati notati mentre cercavano di mettere a segno un furto in via Soleto.

Qualcuno ha segnalato i sospetti al numero di pronto intervento, ed è scattato l’inferno. Un inseguimento, spericolato e folle, da parte della polizia, lungo le vie della cittadina. La vettura condotta dal banda ha urtato e speronato la volante, per poi schiantarsi contro un palo: i tre individui sono scesi dall’abitacolo, riuscendo a dileguarsi praticamente a piedi. Gli investigatori stanno lavorando sodo ormai da ieri. Ora più che mai, insospettiti dall’ipotesi che, ad agire, possano essere stati gli stessi individui che hanno colpito il bar in mattinata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Salento da zona gialla: 81 nuovi casi ogni 100mila abitanti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento