Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca Via Galatina

Rapinatore nel centro scommesse, in fuga con 3mila 500 euro

Il malvivente è entrato ieri sera verso le 22,15 nel Better di Galatina, in via Soleto. Era armato di coltello con lama lunga. Aveva un passamontagna e cerca di nascondere la voce. Forse è un soggetto della zona. Indaga la polizia

GALATINA - “Dammi i soldi”, ha intimato, con il coltello fra le mani, entrando a passo svelto nel centro scommesse Better e andando dritto verso il dipendente, fermo dietro al banco. “Dammi i soldi”.

Ha ripetuto quella frase più volte, il suo viso nascosto dietro un passamontagna, le parole smozzicate a denti stretti. Uno dei dettagli più importanti in mano agli agenti di polizia del commissariato di Galatina, che stanno seguendo le indagini, perché un chiaro tentativo di non far riconoscere la voce. La sensazione, dunque, è che il rapinatore piombato ieri sera sulla scena possa essere un soggetto della zona, magari abbastanza conosciuto, se non proprio un frequentatore di quel locale dove si raccolgono fino a tarda ora gli amanti delle scommesse sportive.

Erano le 22,15 circa quando nel Better di via Soleto, a Galatina, ha fatto irruzione quell’uomo. Altro dettaglio interessante, si tratta di un soggetto piuttosto alto. Il dipendente e alcuni clienti che si trovavano in quel momento ancora all’interno, l’hanno descritto alla polizia come un individuo attorno ai 185 centimetri. Impugnava un coltello con lama lunga e, minacciando il malcapitato, s’è fatto consegnare i soldi contenuti in quel momento nella cassa: 3mila e 500 euro. Un bottino notevole per un uomo solo. Il quale, così com’è entrato, è subito uscito, dileguandosi a piedi. Il centro scommesse si trova in un punto di via Soleto ricco di vie laterali. In breve ha fatto perdere ogni traccia.

Sul posto sono intervenute le volanti del commissariato. Gli agenti hanno raccolto le prime testimonianze e questa mattina, presso la squadra di polizia giudiziaria, sono in corso ulteriori ascolti e accertamenti. Gli uomini diretti dal vicequestore aggiunto Giovanni Bono sospettano, come detto, che il rapinatore sia un soggetto di Galatina o di qualche comune vicino e che, forse, sia a sua volta (o comunque lo sia stato per un certo periodi di tempo) un frequentatore della sala, perché ha dimostrato di sapersi muover con destrezza. E stanno svolgendo indagini usando tutti gli elementi a disposizione, comprese videocamere disseminate nell’area.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinatore nel centro scommesse, in fuga con 3mila 500 euro

LeccePrima è in caricamento