Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca Via Giacomo Leopardi

Bonnie senza Clyde tenta rapina nel compro oro. Scatta allarme e fugge a piedi

Sarebbe alta un metro e 58, capelli rossi e piercing, la ragazza sulla trentina che, intorno a mezzogiorno, ha provato a mettere a segno un colpo presso "Il pomo d'oro" di viale Leopardi. Armata di pistola, si è dileguata verso Piazza Ariosto quando la commessa ha fatto scattare l'antifurto

L'attività della tentata rapina

LECCE  - Come Bonnie Parker, senza il suo Clyde. Ma ancora più spavalda e glamour. Più che la sua mise, ad essere ricercata ora è lei, la ragazza che, intorno a mezzogiorno, ha tentato una rapina ai danni di un compro oro. Solitaria e armata fino ai denti di coraggio, oltre che di una pistola (non è dato sapere se vera o giocattolo), non si è recata in una banca dell'Arkansas, bensì presso la rivendita di preziosi “Il Pomo d’oro” di viale Giacomo Leopardi, per mettere a segno un colpo.

Ha fatto irruzione nei locali e, arma in pugno, ha minacciato la commessa intimandole di consegnare contanti e gioielli. Ma in quel faccia a faccia tutto al femminile, la dipendente non si è lasciata prevaricare dalla prepotenza della malvivente, pigiando immediatamente il pulsante dell’antifurto, collegato con la sala operativa dell'istituto di vigilanza privato At Security.

Accortasi di essere nei guai, la rapinatrice si è dileguata a mani vuote verso l'uscita, fuggendo a piedi in direzione di Piazza Ludovico Ariosto senza, sembrerebbe,  neppure l’aiuto di un complice. All’arrivo delle guardie giurate e degli agenti di polizia della questura leccese, la vittima della tentata rapina ha fornito la descrizione piuttosto dettagliata della donna, che dovrebbe avrebbe circa 30 anni.

Alta circa un metro e 58, i suoi capelli rossi e il piercing al naso potrebbe essere stata immortalati dalle videocamere di sorveglianza installati sia in corrispondenza di una delle due vetrine dell’esercizio, sia da quelle che costellano la zona e potrebbero portare i poliziotti a stringere il cerchio attorno alla donna a breve.

I portici in cui ha sede il compro oro, peraltro, è il cuore pulsante del rione Salesiani, sempre molto frequentato a tutte le ore del giorno e della notte poiché accanto e poco distante ci sono, tra gli altri, anche una nota farmacia, un tabaccaio e una gettonata gelateria, dove qualcuno potrebbe aver assistito alla scena o aver fornito dettagli somatici importanti per gli investigatori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonnie senza Clyde tenta rapina nel compro oro. Scatta allarme e fugge a piedi

LeccePrima è in caricamento