menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il distributore preso di mira dai malviventi.

Il distributore preso di mira dai malviventi.

Schiaffi al benzinaio e rapina al distributore incendiato prima dell’inaugurazione: ricercati

Il colpo è stato messo ai danni della “Esso” di Castromediano, intorno alle 7 e mezzo di questa mattina. Sul posto, per le indagini, la polizia: ricercato uno scooter di grossa cilindrata

CASTROMEDIANO (Cavallino) – Dopo il raid incendiario a pochi giorni dall’inaugurazione della caffetteria, i malviventi tornano nel distributore colpito a febbraio: questa volta per mettere a segno una rapina al benzinaio. Di primo mattino, hanno agito in due. Intorno alle 7 e mezzo, infatti, la coppia di rapinatori si è presentata presso l’area di servizio “Esso” a Castromediano, nel territorio di Cavallino, nei pressi dello svincolo per la tangenziale est.

Con dei caschi integrali calati sul volto per non essere riconosciuti, i malviventi hanno costretto un dipendente a consegnare il denaro contenuto nel registratore di cassa, all'interno del gabbiotto usato come ufficio amministrativo della stazione di rifornimento. Per essere più "incisivi" e "convicenti", lo hanno preso a schiaffi. Il malcapitato non ha opposto resistenza e ha consegnato l'incasso del fine settimana: una somma di circa novemila euro.

Arraffato il bottino, i due sono fuggiti verso l’esterno del locale, montando in sella a uno scooter di grossa cilindrata, Yamaha T-max di colore scuro, con cui avevano raggiunto l’attività da rapinare. Hanno fatto perdere le proprie tracce, ma sarebbero stati immortalati dal sistema di videosorveglianza. I filmati sono ora nelle mani degli agenti di polizia della questura leccese, sopraggiunti per i rilievi e le ricerche dei responsabili.

Nella tarda serata del 6 febbraio scorso, ignoti appiccarono le fiamme all’interno del locale, nel quale erano in fase di ultimazione i lavori, prima dell’apertura ufficiale dell’attività. I danni provocati dal fuoco, in quell’occasione alla caffetteria dell'area di servizio, furono ingenti. Tanto da dover far slittare l’inaugurazione, per conseguenze quantificabili in svariate decine di migliaia di euro.

                                                                                               

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento