Cronaca

Rapine in serie nei supermercati, i due arrestati in silenzio dinanzi al gip

Interrogatorio di garanzia per Antonio De Luca e Alessandro Cirfeta, finiti in carcere per una lunga serie di colpi

LECCE – Si sono entrambi avvalsi della facoltà di non rispondere Antonio De Luca e Alessandro Cirfeta, i due 25enni di Carmiano accusati di aver compiuto una lunga serie di rapine ai danni di supermercati tra giugno e agosto scorso. I due, assistiti dagli avvocati Valeria Corrado (in sostituzione del collega Cosimo D’Agostino) e Paola Vestito, sono comparsi dinanzi al gip Carlo Cazzella, che ha emesso le misure cautelari nei loro confronti su richiesta del pubblico ministero Francesca Miglietta, per l’interrogatorio di garanzia, scegliendo, come loro diritto, di rimanere in silenzio. Si tratta, con ogni probabilità, di una strategia difensiva, visto l’esiguo lasso di tempo trascorso dall’esecuzione della misura (circa 24 ore) e la necessità di accedere agli atti d’indagine in vista anche di un eventuale ricorso al Tribunale del riesame.

Le indagini sono state condotte dai carabinieri di Campi Salentina, Carmiano, Copertino e Veglie, sotto il coordinamento del comando provinciale di Lecce, che, con pazienza e abilità investigativa, attraverso riscontri e analisi del modus operandi, hanno identificato i presunti rapinatori seriali.

A entrambi sono contestate la rapina al supermercato Mello di Carmiano, avvenuta il 3 giugno del 2017,  quando sotto la minaccia di un’arma si fecero consegnare l’incasso di 2.225 euro; al Dok di Copertino, avvenuta il 22 luglio, il bottino in questo caso fu di 981 euro; al supermercato Di Meglio di Veglie, avvenuta il 31 luglio, quando sotto la minaccia di un’arma si fecero consegnare l’incasso di 3mila e 500 euro; all’Eurospin di Veglie, avvenuta il 31 luglio, il bottino in questo caso fu di 1.435 euro; al supermercato Di Meglio di Copertino, avvenuta il 16 agosto, in cui il bottino fu di 1.530 euro.

A carico di De Luca sono stati contestati altri sei colpi avvenuti la sera del 2 agosto: la tentata rapina ai danni del supermercato Dok di Novoli; la tentata rapina ai danni del supermercato Simply di Novoli; alla farmacia Greco di Novoli, in cui il bottino fu di duemila euro; al supermercato Conad di Campi Salentina, 1.200 euro; alla Lidl di Campi Salentina, il bottino fu di 1.715 euro; al supermercato Di Meglio di Trepuzzi, con un bottino di 1.530 euro.

I provvedimenti scaturiscono da una articolata attività investigativa dei carabinieri della compagnia di Campi Salentina con i colleghi della stazione di Carmiano e della tenenza di Copertino che, attraverso la visione delle immagini delle telecamere degli stessi esercizi commerciali e di quelle delle abitazioni private posizionate sulle vie adiacenti, sono risaliti all’identità dei due rapinatori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapine in serie nei supermercati, i due arrestati in silenzio dinanzi al gip

LeccePrima è in caricamento