Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca Morciano di Leuca

Rapina e lesioni ai danni di una 84enne, riconosciuto un solo responsabile

Si è chiuso con una condanna a 4 anni di reclusione e un'assoluzione il processo abbreviato sull'episodio avvenuto il 14 novembre del 2022 in un'abitazione a Morciano di Leuca

MORCIANO DI LEUCA -  C’è un solo responsabile per la rapina avvenuta il 14 novembre del 2022, intorno alle 18,  nell’abitazione, a Morciano di Leuca, di una signora all’epoca dei fatti 84enne, per la quale fu poi necessario il trasporto nel pronto soccorso da parte del personale del 118.

Questo ha stabilito il processo discusso ieri in abbreviato dinanzi alla giudice del tribunale di Lecce Anna Paola Capano che ha inflitto quattro anni di reclusione (già decurtati di un terzo per la scelta del rito speciale) a Fabrizio Chiarello, 52enne di Corsano, mentre  ha assolto la presunta complice G.A.R. di Tricase.

I reati contestati erano rapina pluriaggravata, lesioni personali aggravate e indebito utilizzo di carta di pagamento.

A intrufolarsi nell’appartamento, col volto coperto da un passamontagna, stato Chiarello, il quale raggiunta la malcapitata in cucina le avrebbe messo la mano sulla bocca per impedirle di chiedere aiuto, strattonandola con violenza al punto da farla cadere a terra. Riuscì così a impossessarsi del portafoglio dove erano custodite 150 euro e si dileguò a bordo dell’auto condotta dalla 53enne.

Quest'ultima, assistita dall’avvocato Tony Indino, in udienza ha spiegato di essersi solo limitata ad accompagnare l’uomo nei suoi spostamenti e di essere stata all’oscuro di quanto avvenuto tra le mura domestiche.

Non appena saranno depositate le motivazioni, l’imputato, con numerosi precedenti (è attualmente in carcere per una rapina avvenuta a Bari), valuterà il ricorso in appello con l’avvocato difensore Luca Puce.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina e lesioni ai danni di una 84enne, riconosciuto un solo responsabile
LeccePrima è in caricamento