Cronaca

Rapina nelle poste, poi fuga rocambolesca: condannato

Pena di 4 anni in abbreviato per Maurizio Mazzei, 52enne. Nel novembre scorso fece irruzione nella filiale di via Benedetto Croce. Poi, nella fuga, bloccò due auto diverse per farsi accompagnare

1-463

LECCE - Rapinò l'ufficio postale di via Bendetto Croce, bloccando poi un'auto e facendosi condurre nei pressi di un distributore di benzina. La spericolata fuga di Maurizio Mazzei, pregiudicato 52enne di Lecce, terminò, però, nelle campagne. Accerchiato dalla polizia. Era la sera del 30 novembre scorso. Ora, per quei fatti, Mazzei, che era difeso questa mattina in aula dall'avvocato Francesco Maggiore, è stato condannato a 4 anni di reclusione in abbreviato dal gup Alcide Maritati. La richiesta di condanna era stata avanzata dal pm Elsa Valeria Mignone.

Quella sera, intorno alle 17, il rapinatore fece irruzione nell'ufficio postale. Pistola alla mano (poi, si sarebbe scoperto, un giocattolo), volto coperto da occhiali da sole, felpa grigia, racimolò 820 euro. Tutto ripreso dalle videocamere di sicurezza interne ed esterne. Poi, fuggì di corsa a piedi in via Vincenti, spalancando lo sportello di una Renault Scénic e infilandosi all'interno. Nell'auto, c'erano due donne con una bimba. Le costrinse ad andare verso via Francesco De Mura, per poi fermarsi al distributore Erg.


Qui, scese, si appostò alle spalle del bar e attese che arrivasse qualche altro automobilista. E dopo aver nascosto nei pressi di una pompa di benzina la pistola giocattolo, la felpa e i soldi, s'infilò in una Citroen Berlingo condotta da un altro uomo. Obbligò anche il nuovo malcapitato a farsi accompagnare, questa volta verso il Bowling. Ma gli agenti di polizia delle volanti l'avevano ormai già puntato e riuscirono a fermarlo in mezzo alle campagne.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina nelle poste, poi fuga rocambolesca: condannato

LeccePrima è in caricamento