Cronaca Via Egidio Reale

In due irrompono in casa della prostituta e la “ripuliscono”: via con telefoni e denaro

Una 26enne di nazionalità dominicana è rimasta vittima di una rapina nel tardo pomeriggio: ha ricevuto "viste" da parte di due malviventi travisati. Hanno fatto irruzione nel suo appartamento in via Reale: le hanno sottratto tre cellulari e una somma di oltre 700 euro. Indaga la polizia

Una volante in via Reale (foto di repertorio).

LECCE  - L’hanno immobilizzata senza farsi riconoscere, coprendosi capo e volto. In de, nel pomeriggio, hanno messo a segno una rapina ai danni di una prostituta di 26 anni, di nazionalità dominicana, dopo aver raggiunto l’appartamento della malcapitata in via Egidio Reale. Hanno fatto irruzione nell’appartamento, nella zona alle spalle di viale Università, per poi sottrarle sia tre telefoni cellulari, sia una somma di oltre 700 euro.

Sono fuggiti con il bottino, lasciando la donna in preda al panico. E’ stata la stessa vittima ad allertare la polizia. Sul posto, gli agenti della sezione volanti, per ascoltare la descrizione dei responsabili e tentare di raccogliere altri indizi e testimonianze in zona. Non è dato sapere se vi siano videocamere utili alle indagini, ma i colleghi della squadra mobile della questura hanno già avviato la caccia ai malviventi.

Una sua connazionale ha subito un altro colpo analogo lo scorso 21 settembre, lungo la stessa strada. Quella domenica sera, un uno con l’orecchino si presentò nell’abitazione della 52enne, riuscendo a portarle via una somma di circa mille e 500 euro. La malcapitata lo descrisse di età compresa tra i 30 e i 35 anni, alto circa un metro e 70 e calvo.

Fingendosi un cliente, l’uomo l’aveva contattata telefonicamente per poi passare al proprio piano. In quell’episodio, la polizia ha fatto sopraggiungere anche i sanitari del 118 a causa dello stato di choc in cui versava la vittima.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In due irrompono in casa della prostituta e la “ripuliscono”: via con telefoni e denaro

LeccePrima è in caricamento