Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca Via Luigi Pappacoda

Armati nel supermercato. Via con il bottino a bordo di uno scooter

In due, travisati da caschi, si sono introdotti nel Supermac, nei pressi di via Taranto. Hanno minacciato i dipendenti con una pistola e sono fuggiti a bordo di uno ciclomotore rubato. Nel locale, breve colluttazione con un agente

Il luogo della rapina

 

LECCE  - Hanno fatto irruzione nei locali del negozio "Supermac", in via Luigi Pappacoda, nei pressi di via Taranto, con due caschi integrali sul volto - uno di colore bianco, l'altro nero- e armati di una pistola, quasi certamente giocattolo. Dopo aver puntato l'arma contro i dipendenti addetti alle casse, si sono fatti consegnare l'incasso, una somma quantificata in circa 3mila euro, per poi dirigersi verso l'uscita, lasciandosi alle spalle i clienti, e il personale, atterriti.

Uno dei presenti, un agente di polizia libero dal servizio, assistente in forza presso l’ufficio polizia di frontiera dello scalo marittimo e aereo di Brindisi, il quale, nel momento in cui i due rapinatori erano intenti a prelevare i soldi dalle casse, riuscendo a recuperare parte delle refurtiva. Tutto è durato solo qualche istante, perché l’altro rapinatore ha puntato la pistola contro l’agente, che è stato costretto a rilasciare la presa.

Solo in quel modo, sono riusciti a fuggire. Montati a bordo di uno scooter, risultato rubato a Squinzano lo scorso 27 luglio, si sono allontanati, abbandonando il mezzo a poche centinaia di metri dal luogo del colpo. Intervenuti gli agenti di polizia, il ciclomotore è stato recuperato e posto sotto sequestro. Il personale della questura ha, intanto, avviato le indagini e la raccolta delle testimonianze, dando la caccia ai due responsabili, che potrebbero aver agito con l'aiuto di un terzo complice. L'agente, intanto, ha dovuto fare ricorso alle cure mediche. E' stato giudicato guaribile in dieci gorni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Armati nel supermercato. Via con il bottino a bordo di uno scooter

LeccePrima è in caricamento