menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di Antonio Quarta

Foto di Antonio Quarta

Irrompono armati di fucile nel supermercato. Fuggono a bordo di una Uno bianca

In due, incappucciati, si sono presentati nei locali del "Dok" di Copertino, in zona Lago Rosso, per mettere a segno una rapina. Hanno puntato le armi, forse giocattolo, contro le commesse, per farsi consegnare l'incasso. Sono scappati in direzione dell'ospedale, ma le videocamere potrebbero averli ripresi

COPERTINO – Hanno fatto irruzione nel supermercato “Dok” di Copertino, in zona Lago Rosso, per mettere a segno una rapina nella solita ora: quella di chiusura. Intorno alle 20,30, si sono presentati nel market, armati di due fucili che potrebbero essere giocattolo. Due individui, entrambi incappucciati, hanno raggiunto le due casse, e le rispettive commesse: a una delle malcapitate hanno puntato l’arma alla nuca. Per farsi consegnare l’incasso contenuto nei cassetti, hanno anche sbattuto i fucili sul nastro trasportatore, intimorendo le due donne.

Hanno prelevato il denaro, una somma di poco meno di duemila euro, per poi dirigersi verso l’uscita. Una volta all’esterno del market, sarebbero stati visti fuggire a bordo di una Fiat Uno di colore bianco, quasi certamente guidata da un terzo complice. Il veicolo ha imboccato la strada che conduce verso l’ospedale, dove è più facile uscire dalla cittadina.

Sul posto, subito dopo, sono stati fatti giungere i carabinieri della tenenza locale, assieme ai colleghi del Nucleo operativo  e radiomobile della compagnia di Gallipoli, guidata dal capitano Michele Maselli. Al vaglio dei militari, impegnati  a raccogliere le testimonianze dei presenti, anche la presenza di videocamere di sorveglianza. In zona ve ne sarebbero diverse, installate all'esterno dei negozi della zona. Potrebbero essere quelle determinanti per risalire agli autori del colpo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento