Con pistole e fucile nell’ufficio postale. Arraffano 3mila euro e fuggono

In tre si sono presentati con i volti coperti, questa mattina, presso lo sportello di piazza Napoli, nella zona 167 di Lecce. Hanno minacciato i clienti, ottenendo dagli impiegati un ingente bottino. Sono fuggiti a bordo di un'auto scura e ora sono ricercati dagli agenti della squadra mobile

L'ufficio rapinato questa mattina

LECCE – Avrebbero un accento locale i tre rapinatori che, nella tarda mattinata, hanno fatto irruzione nell’ufficio postale di Piazza Napoli, nella zona 167 di Lecce. I componenti della banda, con il volto coperto da cappucci e cappelli, e armati di due pistole ed un fucile, sono passati all’azione poco dopo le 11, lasciando sotto choc i clienti in fila allo sportello, costretti a stendersi sul pavimento del locale.

Si sono avvicinati ai dipendenti, minacciandoli per ottenere i contanti. Che non hanno tardato ad arrivare. Atterriti, infatti, gli impiegati hanno consegnato il denaro ai malviventi, per una somma di 3mila e 40 euro. Arraffato il bottino, hanno raggiunto l’esterno, per poi montare rapidamente a bordo di un’autovettura di medie dimensioni, di colore scuro, dileguandosi senza lasciare al tempo ai testimoni di annotare il numero di targa.1-613-26

Le descrizioni dei tre individui sono comunque state fornite agli agenti di polizia della squadra mobile di Lecce, intervenuti subito dopo il colpo, a seguito della segnalazione telefonica partita dagli stessi clienti, nessuno dei quali fortunatamente rimasto ferito. Le indagini sono state immediatamente avviate, partendo dalla visione dei nastri del sistema di videosorveglianza, che potrebbero fornire elementi determinanti agli inquirenti. Questi ultimi stanno, infatti, tentando di mettersi sulle tracce dei balordi per attribuire le responsabilità a stretto giro. Non è escluso, infatti, che coloro che hanno agito possano essere gli stessi autori di una rapina precedente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poco più di un mese addietro, era il 22 giugno, in quattro si presentarono presso l'ufficio di Trepuzzi, mettendo a segno un colpo analogo. Agirono anche in quel caso con pistole e fucile, rimediando un copioso  gruzzoletto di quasi 10mila euro, per poi fuggire utilizzando una Fiat Uno, guidata dal complice, e dirigendosi verso nord. Forse nel brindisino. Le ricerche, in quell'occasione, furono affidate ai carabinieri della compagnia di Campi Salentina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento