Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca Via Copertino

Armati nella villa di un avvocato. Portano via un'autovettura e i gioielli

Due individui, pistola in pugno, hanno fatto irruzione nell'abitazione del professionista, alla periferia di Monteroni di Lecce. Hanno immobilizzato la vittima e la moglie, per poi impossessarsi di un paio di collane e di una Mercedes, poi rinvenuta bruciata

La villa dell'avvocato (Foto di Antonio Quarta)

MONTERONI DI LECCE – Una "originale" rapina, che si è conclusa senza feriti. Ma con un insolito spirito di collaborazione tra vittime e aguzzini. E' accaduto in pieno giorno, in una villa alla periferia di Monteroni di Lecce. E’ probabile che, all’esterno dell'edificio, ci fosse anche un terzo complice. Ma a mettere a segno il colpo ai danni di un avvocato e di sua moglie, alla presenza anche di una collaboratrice domestica, intorno alle 10,30, hanno agito in due. Uno dei quali armato di pistola.

I malviventi si sono introdotti nell’abitazione di Arturo Pallara, 70enne, alla periferia del comune, al civico 17 di via Copertino. Sotto la minaccia dell’arma, hanno immobilizzato  il porofessionista e la moglie, costringendoli a consegnare alcune piccole somme di denaro custodite in casa, ancora in fase di quantificazione. Con il volto reso irriconoscibile dalle felpe, non hanno risparmiato neppure alcuni oggetti preziosi. Un paio di collane in oro, questo l'esiguo bottino che hanno composto sotto gli occhi esterrefatti dei proprietari di casa. Mentre uno dei due individui ha tenuto l’arma puntata, infatti, l’altro ha rovistato in cassetti e scaffali alla ricerca dei monili. Anche questi ultimi del valore ancora in fase di precisa quantificazione.

 Ma, al momento della fuga, un colpo di scena. Sono fuggiti con l’autovettura di grossa cilindrata dell’avvocato, una Mercedes Classe E, dotata di cambio automatico. Un "dettaglio" che i malviventi, evidentemente, non si aspettavano. Tanto che, nelle fasi frenetiche della fuga, si sono ritrovati costretti a chiedere un aiuto proprio alla vittima. Non essendo in grado di azionare la retromarcia, hanno dovuto mettere da parte il piglio sicuro e prepotente dei rapinatori, per chiedere il sostegno del coraggioso avvocato. 

Secondo i primi riscontri, sono fuggiti in direzione di Copertino. Ora sono ricercati dai carabinieri della stazione di Monteroni di Lecce, accorsi immediatamente dopo la richiesta di aiuto partita dalle vittime della rapina. Il primo degli elementi al vaglio dei militari dell’Arma, i nastri dei sistemi di videosorveglianza installati lungo il tragitto percorso dai malviventi prima e dopo il colpo. Alcuni minuti dopo la rapina, l'auto di Pallara è stata rinvenuta in una delle campagne di Monteroni di Lecce. I rapinatori hanno appiccato il fuoco, e arrecato danni ingenti alle lamiere. Il mezzo, intanto, è stato sottoposto a sequestro giudiziario e sarà sottoposto ad alcune perizie da parte degli uomini dell'Arma.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Armati nella villa di un avvocato. Portano via un'autovettura e i gioielli

LeccePrima è in caricamento