Cronaca

Rapinarono la titolare di una tabaccheria: condannati a 6 anni di reclusione

E’ la sentenza emessa nel processo in abbreviato per Torsello e Valente, accusati del colpo messo a segno il 2 gennaio scorso ad Alessano

Il luogo della rapina.

LECCE - In due a bordo di uno scooter, con il volto coperto da passamontagna e armati di pistola, bloccarono l’auto sulla quale viaggiava la titolare di una tabaccheria con il marito e la madre, e si impossessarono così di una borsa con 6mila euro e diverse carte bancomat, una delle quali fu utilizzata, in seguito, per prelevare 600 euro dallo sportello Postamat, in via Cappuccini, a Tricase.

Il finale della vicenda, avvenuta ad Alessano lo scorso 2 gennaio, è arrivato questa mattina. A scriverlo è stato il gup (giudice per l’udienza preliminare) Giovanni Gallo che, al termine del processo discusso con rito abbreviato, ha riconosciuto responsabili del colpo Francesco Torsello, 33 anni, originario di Gagliano del Capo ma residente ad Alessano, e Orazio Rocco Valente, 52, di Ugento, infliggendo sei anni di reclusione ciascuno, più 2mila euro di multa.

Nei mesi scorsi, a seguito del decreto di giudizio immediato emesso nei loro riguardi, i due imputati avevano provato, attraverso l’avvocato David Alemanno, a patteggiare cinque anni di reclusione, ma il giudice Edoardo D’ambrosio rigettò l’istanza, ritenendo inadeguata la pena. La scelta difensiva si è quindi orientata alla richiesta e all’ottenimento del giudizio abbreviato, discusso oggi, dove hanno retto i reati di rapina e utilizzo indebito di carta di credito. E’ invece caduta l’accusa della detenzione d’arma da fuoco.

Le motivazioni della sentenza saranno note entro novanta giorni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinarono la titolare di una tabaccheria: condannati a 6 anni di reclusione

LeccePrima è in caricamento