Cronaca

Entrò armato nel negozio ma lo bloccò il titolare: condannato rapinatore maldestro

E’ di due anni e otto mesi la pena inflitta a Giglio Salvatore Alfarano nel processo “abbreviato” che si è celebrato ieri. L’episodio risale al 20 agosto scorso nell’ “ADR” di Alliste

ALLISTE - Attese l’orario di chiusura e con il volto in parte coperto dal cappuccio della felpa, entrò  nell’esercizio commerciale e puntò una pistola (poi risultata una scacciacani senza il tappo rosso) alla schiena della titolare, per poi mettere le mani sul registratore di cassa dove erano custodite 300 euro. Ma al rapinatore andò male, perché il marito della donna, contitolare dell’attività, uscì dal retrobottega, lo bloccò e la malcapitata nel frattempo allertò i carabinieri. E’ questa la vicenda, avvenuta lo scorso 20 agosto nell’ “ADR”, negozio di prodotti ittici surgelati ad Alliste, per la quale Giglio Salvatore Alfarano, 27enne di Alliste (con un precedente analogo nel 2016) è stato condannato a due anni e 8 mesi di reclusione, più una multa di 620 euro.

La sentenza, emessa ieri dal giudice Alcide Maritati, nel processo discusso col rito abbreviato, ha tenuto conto dell’atteggiamento collaborativo dell’imputato (difeso dall’avvocato Biagio Palamà) che sin da subito ammise le proprie responsabilità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Entrò armato nel negozio ma lo bloccò il titolare: condannato rapinatore maldestro

LeccePrima è in caricamento