rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Cronaca Porto Cesareo

Rapine in serie a Bologna: i carabinieri lo rintracciano a Porto Cesareo

Per Giovanni Genovesi, 44enne originario di Lecce, si sono riaperte le porte del carcere. Sul finire nel 2014 la squadra mobile lo arrestò in flagranza per due assalti di fila. Ma ora i militari, che conducevano un'altra indagine, gli addebitano altri cinque colpi, sempre in Emilia

PORTO CESAREO – Lo scorso anno finì nelle cronache per due rapine. Ora gli assalti contestati sono però diventati di più. Molti di più. Nel computo, infati, altre cinque rapine, di cui quattro riuscite e una fallita per la reazione di una cassiera. E tutte messe a segno fra Bologna e dintorni. Come sempre.

Per Giovanni Genovesi, 44enne originario di Lecce, si sono così riaperte le porte del carcere. L’uomo fu arrestato nel dicembre del 2014 dalla squadra mobile della questura felsinea dopo l’assalto in una farmacia di via Massarenti, riuscendo a racimolare un migliaio di euro. Quel colpo seguì di pochi minuti un’altra rapina, messa a segno poco prima, in un negozio di integratori alimentari di viale della Repubblica.

Genovesi, all’epoca, fu sorpreso in flagranza di reato, ma su di lui c’era anche un’indagine dei carabinieri della compagnia di San Lazzaro. E ora, su richiesta del pm Massimiliano Rossi, è arrivato l’arresto per altri cinque assalti, tutti avvenuti nell’arco di un mese circa, con obiettivo farmacie e supermercati di Castel Guelfo, Monterenzio, San Lazzaro di Savena e Bologna.

Sembra che l’uomo agisse sempre alla stessa maniera. Un casco e una pistola, raggiungeva il luogo prescelto e rapinava i malcapitati di turno. Più videocamere di sorveglianza, però, l’hanno immortalato di volta in volta. E i carabinieri, da una serie di indizi, sono risaliti a lui. Nel frattempo, Genovesi era però rientrato nel Salento. Tanto che l’arresto è avvenuto al mare. Si trovava nei giorni scorsi a Porto Cesareo, quando hanno bussato alla sua porta i carabinieri con l'ordinanza in mano.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapine in serie a Bologna: i carabinieri lo rintracciano a Porto Cesareo

LeccePrima è in caricamento