Cronaca

Rapinò e picchiò anziani: inflitti 7 anni di carcere

Pena severa per Marco Colazzo, 30enne di Nardò. E' stato condannato per aver malmenato a scopo di rapina una coppia di coniugi pensionati di Nardò che lo smascherarono, chiamando poi i carabinieri

tribunalecce

Pur di racimolare un magro bottino, 500 euro e due telefonini, non esitò a malmenare una coppia di pensionati di 64 anni. Marco Colazzo, 30enne di Nardò, questa mattina, per quella rapina, ha pagato salato il conto con la giustizia. I giudici della seconda sezione penale, presidente Pellegrino, a latere Verderosa e Sansonetti, hanno inflitto una pesante condanna al 30enne neretino, con precedenti per droga: sette anni e sei mesi per rapina aggravata e sequestro di persona e 2mila e 700 euro come risarcimento danni.

Il pubblico ministero Giovanni Gagliotta aveva richiesto 9 anni di reclusione. L'efferata rapina si consumò lo scorso 27 gennaio a Nardò. Come nelle memorabili scorribande dei "Drughi" in Arancia Meccanica, Colazzo, che conosceva le due vittime, riuscì ad introdursi in casa dei due anziani con una banale scusa. Passamontagna sul volto, coltello in una mano, scaraventò l'uomo per terra, per poi aggredire la moglie, provocando ad entrambi ecchimosi sul corpo e sul volto.


Il rapinatore solitario fu smascherato dai due malcapitati che riuscirono a sflilargli il passamontagna e a riconoscerlo, contattando i carabinieri. Una battuta dei militari consentì di scovare il drugo, in casa nella zona della 167, dove gli inquirenti recuperarono il coltello utilizzato durante la rapina. Colazzo era difeso dall'avvocato Lorenzo Rizzello.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinò e picchiò anziani: inflitti 7 anni di carcere

LeccePrima è in caricamento