menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un'immagine della sala di attesa

Un'immagine della sala di attesa

Termina il restyling in pronto soccorso: Triage e Accettazione più comodi e nuovi

Completato il rinnovo dei locali dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, per consentire un miglioramento dell’accoglienza di pazienti e famigliari

LECCE - Completato il restyling del pronto soccorso del “Vito Fazzi”. I lavori, partiti nel mese di dicembre, hanno riguardato gli spazi delle aree Triage e Accettazione, ridisegnate e organizzate per essere più funzionali, ma anche le sale d’attesa per i pazienti e i loro famigliari, rese più accoglienti grazie ai nuovi arredi, che comprendono anche schermi televisivi e distributori di bevande.

Sostanzialmente, rispettato anche il cronoprogramma dei lavori, limitando al minimo i disagi e senza mai interrompere l’attività del pronto soccorso. La Asl di Lecce porta così a compimento il percorso di accoglienza con gli obiettivi di umanizzare e riorganizzare i luoghi di cura da un lato, dall’altro migliorare la formazione del personale sanitario in tema di accoglienza e ascolto dei bisogni dell’utenza. Rimettere a nuovo Triage, Accettazione e sale d’attesa permetterà agli utenti di “vivere” più serenamente la permanenza in pronto soccorso, abbreviando i tempi d’attesa, e al personale di gestire meglio e in maniera più efficiente un flusso di accessi significativo. Il “Vito Fazzi”, secondo il rapporto Agenas 2017 (su dati 2016), è infatti il secondo ospedale in Puglia con i suoi 69mila  e 267 accessi in emergenza-urgenza.nuova area triage vito fazzi-2

Importanti, da questo punto di vista, anche i correttivi complessivi apportati dalla direzione strategica, sia con l’attivazione del Servizio di consulenza ambulatoriale pediatrica per la gestione dei codici bianchi pediatrici, sia impiegando i medici di continuità assistenziale nel periodo di emergenza legata al picco dell’influenza, sia soprattutto con le assunzioni di medici specializzati, 53 in totale, chiamati a rinforzare l’organico del pronto soccorso del “Vito Fazzi” e di tutti gli altri ospedali della Asl Lecce. Eliminare o comunque ridurre al minimo le criticità del pronto soccorso, tuttavia, non può prescindere da un suo utilizzo corretto e consapevole: per questo è vivamente consigliato di recarvisi solo ed unicamente per i casi veramente urgenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento