Cronaca

Reti nel porto del Canneto, denuncia per comandante di motopeschereccio

Il controllo del Nucleo ispettivo della guardia costiera. Nella stessa notte soccorsa anche una barca in avaria vicino all'isola

GALLIPOLI – Dalla barca stavano calando reti in mare, ma all’interno del porticciolo del Canneto. Violando, così, le norme sulla sicurezza della navigazione e portuale, oltre a quelle sul settore della pesca.

La scoperta è avvenuta nella notte. Sono stati gli uomini del Nucleo ispettivo della capitaneria di porto gallipolina, specializzato sui controlli lungo la filiera della pesca, a sorprendere il motopeschereccio.

I militari hanno denunciato il comandante all’autorità giudiziaria, sequestrando circa 60 metri di rete da posta ed elevando una sanzione amministrativa di 4mila euro, assegnando 6 punti sia al capo barca, sia sulla licenza di pesca. 

Ma quella nelle acque davanti a Gallipoli è stata una notte movimentata anche per via di un soccorso a due cittadini a bordo di un’imbarcazione nei pressi dell’isola di Sant’Andrea.

I due hanno chiamato il 1530 (numero d’emergenza), comunicando di avere un’avaria a entrambi i motori. La sala operativa della guardia costiera di Gallipoli ha disposto così l’invio in zona di una motovedetta che ha raggiunto in breve tempo l’imbarcazione in avaria. Grazie all’intervento dei militari, i due sono riusciti a far rimettere in moto i motori dell’imbarcazione, e scortati dalla motovedetta, hanno raggiunto la darsena più vicina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reti nel porto del Canneto, denuncia per comandante di motopeschereccio

LeccePrima è in caricamento