rotate-mobile
Martedì l'udienza di convalida / Ruffano

Rifiuta controllo, in retromarcia investe carabiniere. Nei guai artigiano

E’ successo nella serata di ieri nel parcheggio di un supermercato di Ruffano. Un 54enne a bordo di un furgoncino si è rifiutato di fornire le generalità e ripartendo ha colpito un militare. Risponde di resistenza e lesioni. Posto ai domiciliari è stato scarcerato questa mattina

RUFFANO - Doveva essere un controllo di routine, ma si è quasi trasformato in tragedia visto che durante una manovra un carabiniere è stato investito e tramortito ed è stato costretto a farsi medicare dai sanitari del 118. Il fatto si è consumato nella serata di ieri, intono alle 19,30, nel parcheggio del supermercato Lidl di Ruffano, che si trova in via Asia.

Proprio in quell’area, nel consueto giro di perlustrazione serale nei pressi delle attività commerciali, i militari della stazione di Ruffano, anche a seguito di qualche segnalazione, hanno notato la presenza di un furgoncino posteggiato nell’area riservata ai disabili che stazionava da diverso tempo con un uomo a bordo.

La pattuglia ha così deciso di effettuare un controllo. E alla richiesta di esibire i documenti e fornire le generalità, sembra che l’uomo non solo abbia rifiutato, ma in maniera drastica abbia anche messo in moto il mezzo e sia ripartito velocemente, in retromarcia, finendo per investire uno dei militari che si trovava nella zona e che rimaneva ferito agli arti.

L’autista del furgoncino, un 54enne artigiano del posto, si quindi allontanato ma ovviamente non ha fatto molta strada. E’ stato subito bloccato dalla pattuglia e dall’intervento anche dei militari del Norm della Compagnia di Casarano giunto nella zona. Allertata dagli stessi militari sul posto è giunta anche l’ambulanza del 118 e i sanitari hanno prestato le cure del caso al carabiniere ferito che è stato poi trasportato per ulteriori accertamenti presso l’ospedale di Scorrano.

Per il 54enne ruffanese, subito bloccato, è scattato dunque l’arresto in flagranza con l’accusa di resistenza e lesioni personali. Nell’immediatezza dei fatti il magistrato di turno, Alberto Santacatterina, ha disposto per l’uomo gli arresti domiciliari, ma stamattina è già stato scarcerato e martedì comparirà dinnanzi al giudice Laura Liguori per l’udienza di convalida. E' difeso dall’avvocato Simone Viva.             

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuta controllo, in retromarcia investe carabiniere. Nei guai artigiano

LeccePrima è in caricamento