Cronaca

Rifiuti alla Baia Verde, la finanza sequestra l'area

Dopo le segnalazioni e i primi controlli, la stretta: sigilli alla discarica abusiva, per circa 70 metri quadri, dei militari della compagnia di Gallipoli. E' ora caccia agli autori delle violazioni

DSCN0790

GALLIPOLI - Prima la segnalazione partita da queste colonne, sui rifiuti scaricati in mezzo alla strada, nella zona della Baia Verde di Gallipoli (https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=30334), poi i primi controlli, con una multa elevata dalla polizia municipale ad un camionista che stava scaricando vecchi mobili (https://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=30409), infine il sequestro penale, messo a segno dai militari della compagnia di Gallipoli della guardia di finanza.

Arriva la stretta, dunque, contro la pessima abitudine di sbarazzarsi di rifiuti ingombranti e a volte anche pericolosi per la falda, ammassati, in questo caso, sul ciglio di una strada comunale, proprio nei pressi di una delle zone turistiche più note e frequentate, d'estate, con presenze che superano i 5mila abitanti, fra turisti e residenti.


I cumuli di rifiuti, in un'area di circa 70 metri quadrati, erano costituiti da materiali pericolosi e non pericolosi, mischiati tra loro, quali sanitari e piastrelle in ceramica, tubi di plastica, contenitori e barattoli di vernice vuoti, cartoni per imballaggi, monitor per computer, pneumatici usati, rifiuti derivanti da potatura di giardino, materassi, divani, arredi di legno, componenti elettronici e chi più ne ha, più ne getti. L'area è stata sottoposta a sequestro ed è stata inoltrata alla Procura della Repubblica di Lecce una denuncia a carico di ignoti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti alla Baia Verde, la finanza sequestra l'area

LeccePrima è in caricamento