Cronaca

Rinviata per difetto di notifica l'udienza sul caso degli impianti fotovoltaici

E' stata rinviata per un difetto di notifica dell'Energy Srl a un'altra delle società coinvolte, l'Asti Srl, l'udienza per un caso che vede al centro una battaglia riguardante impianti installati sul tetto della materna di Melissano. Il credito vantato dalla K-Energy Sas

LECCE – E’ stata rinviata per un difetto di notifica dell’Energy Srl a un’altra delle società coinvolte, l’Asti Srl, l’udienza per un caso che vede al centro una battaglia legale riguardante impianti fotovoltaici. Si tratta di una vertenza da circa 400mila euro. Il processo è in svolgimento presso il tribunale civile di via Brenta, davanti al got Alfredo Bucato Capozza,

Gli impianti in questione sono collocati sul lastricato solare della scuola media, elementare e materna del Comune di Melissano. La K-Energy Sas, rappresentata dall’avvocato Pierandrea Monticchio, ne ha eseguito il pignoramento. Quei pannelli vengono però rivendicati dalla società Energy srl, amministrata dal presidente dell'Ance Puglia, Nicola Delle Donne. La quale, difesa dall’avvocato Valentino Greco, si ritiene estranea alla vicenda. A suo dire, vi sarebbe stato un errore nei beni staggiti.

Alla base di tutto, un credito nei confronti dell’altra società citata, l’Asti Srl. Certo è che nell'ottobre scorso l'ufficiale giudiziario, su richiesta della K-Energy Sas, ha fatto ingresso nei locali del Comune di Melissano, pignorando quei beni perché ritenuti – appunto - della società Asti srl. L’Energy srl ha presentato opposizione all'esecuzione e dopo venti giorni ha ottenuto dal Tribunale di Lecce, in via cautelare, la sospensione del pignoramento.

La K-Energy, dal canto suo ritiene che le cose stiano diversamente. La reale proprietà degli impianti fotovoltaici staggiti non sarebbe stata ancora accertata dall'autorità giudiziaria investita della questione, come rileva l’avvocato Monticchio. Il quale ha aggiunto che in sede di pignoramento l'ingegner Leonardo Campa, delegato dal Comune di Melissano, ha affermato nel verbale redatto dall'ufficiale giudiziario che gli impianti in questione erano di proprietà dell’Asti Srl e non della Energy Srl. Infine, la scrittura privata di vendita è stata impugnata nelle sedi competenti, essendo per la difesa, del tutto illegittima. Il caso è ora in mano al giudice, ma bisognerà attendere per capire bene come terminerà la storia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rinviata per difetto di notifica l'udienza sul caso degli impianti fotovoltaici

LeccePrima è in caricamento