Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Ripetute aggressioni fisiche e verbali alla compagna, in carcere un 37enne

Nei confronti dell'uomo di origine tunisina è stata eseguita un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Lecce

LECCE – E’ stato rintracciato la scorsa notte, dai carabinieri della stazione di Racale, Sahbi Arfaoui, tunisino 37enne, nei cui confronti era stata emessa a luglio, dal Tribunale di Lecce, un’ordinanza di applicazione di misura coercitiva personale. Il trentasettenne si era reso protagonista negli ultimi mesi di diverse aggressioni fisiche e verbali ai danni della moglie, l’ultima il 5 giugno scorso, procurando alla donna delle lesioni giudicate dai sanitari guaribili in 10 giorni. L’autorità giuARFAOUI SAHBI-2diziaria ha così emesso il provvedimento all’esito della valutazione dei gravi indizi di colpevolezza in ordine al reato di “maltrattamenti in famiglia” e delle esigenze cautelari, tra cui il pericolo di reiterazione del reato e la possibilità di fuga dal territorio nazionale. L’arrestato a seguito delle operazioni di rito, è stato condotto presso la casa circondariale di Lecce.

Nelle stesse è stata eseguita ad un’altra ordinanza di aggravamento di misura cautelare, emessa dalla Corte di appello di Bari, nei confronti di E.O., 17enne libanese. Il provvedimento è stato emesso poiché il minore, affidato dal Tribunale dei minorenni di Bari alla Comunità “Crisalide” di Felline di Alliste, il 6 agosto scorso, dopo di un litigio con un altro ospite della struttura, ha tentato di colpirlo utilizzando un bastone in ferro. L’autorità giudiziaria considerata quindi l’inadeguatezza della misura in atto e per evitare altri episodi simili, ha emesso il provvedimento di custodia cautelare presso l’istituto penale minorile di Bari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ripetute aggressioni fisiche e verbali alla compagna, in carcere un 37enne

LeccePrima è in caricamento