Ripetuti abusi nei confronti di una 12enne, al via l'incidente probatorio

La vittima è stata sentita con la formula dell'ascolto protetto. L'indagato, un 55enne, è in carcere per violenza sessuale aggravata e continuata

LECCE – Si è svolto in mattinata l’incidente probatorio disposto dal gip Simona Panzera, su richiesta del pubblico ministero Stefania Mininni, nell’ambito dell’inchiesta su un 55enne di Andrano accusato di avere abusato per mesi di una 12enne. L’ascolto protetto della giovane vittima, che sarà poi utilizzato come strumento probatorio, è avvenuta presso il Tribunale per i minorenni. Il 55enne è stato arrestato a marzo scorso dai carabinieri della stazione di Specchia per violenza sessuale aggravata e continuata. L’uomo è assistito dall’avvocato Mauro Marzano.

E’ stata la madre della vittima a far emergere le violenze dopo aver preso il cellulare della figlia di soli dodici anni per una chiamata urgente. La prima schermata che si è aperta è stata quella di un video con immagini scabrose. Continuando a visionare il filmato, la mamma si è accorta che la “protagonista” delle violenze era la sua povera bambina. La donna si è subito recata presso i carabinieri di Specchia. Immediatamente sono partite le indagini per scoprire l’identità dell’uomo, individuato poco dopo.

La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di accertare che i video memorizzati nel cellulare della bambina, inviati dal suo violentatore per minacciarla e continuare a usarla, altro non erano che la punta dell’iceberg. Per mesi la vittima ha subito in silenzio, schiacciata dalla paura e dalla vergogna, senza avere mai il coraggio di raccontare alla madre cosa le accadeva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Terribili le immagini visionate dai militari dell’Arma, increduli da quanto si è palesato dinanzi ai loro occhi, nonostante anni di indagini e di immersioni nella malvagità umana. In alcune registrazioni, ovviamente acquisite agli atti dell’inchiesta, si sente chiaramente la bambina implorare il suo persecutore di lasciarla stare. Il telefonino, il tablet e il computer usati dal 55enne per riprendere i rapporti sessuali e nelle cui memorie digitali sono stati recuperati i video, sono stati sequestrati e analizzati da un consulente nominato dalla Procura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Violenze durante il sonno, a processo il padre adottivo

  • Finanziamenti con documenti falsi, al terzo tentativo scattano le manette

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento