Cronaca Stadio / Viale Ugo Foscolo

Rissa tra poveri nella mensa: rumeni pestano un marocchino

Tutto è accaduto introno alle 13, mentre bisognosi e senza tetto erano lì, in fila, come tutti i giorni, per racimolare un pasto caldo. Una lite per una panino, una bibita è degenerata, costringendo il marocchino alle cure mediche del 118

LECCE – E’ l’altra Lecce, quelli che non tutti conoscono, o non vogliono conoscere. Ma che la cronaca questa mattina ha fatto riemergere mentre la città sta per sedersi a tavola per il pranzo domenicale: lasagne, arrosto e dolce, con la tv accesa di sottofondo. Nella mensa dei poveri, di viale Ugo Foscolo, chiesa di Santa Rosa, si è consumata intorno alle 13 una rissa tra disperati. Sei rumeni si sono scagliati con calci e pugni contro un marocchino, procurandogli lesioni su tutto il corpo. Tant’è che è stato necessario l’intervento di un'ambulanza del 118 e di una pattuglia delle volanti.2-243-26

Tutto è accaduto mentre bisognosi e senza tetto erano lì, in fila, come tutti i giorni, per racimolare un pasto caldo. Qualche parola di troppo tra il gruppo di rumeni e il marocchino, un 40enne, per un panino, un piatto di pasta, una bibita che sarebbe dovuta toccare a qualcuno piuttosto che a qualcun altro, e la violenza che ha preso il sopravvento. E l’uomo ha avuto inevitabilmente la peggio. Dopo le percosse, i rumeni sono scappati, fuggiti a piedi per le vie del quartiere, facendo perdere le tracce.

Sono stati gli stessi volontari a richiedere l’intervento di un’ambulanza. I sanitari, giunti sul posto, hanno provveduto alle prime cure dello sfortunato marocchino, per poi trasportarlo al “Vito Fazzi” di Lecce. Intanto gli agenti delle volanti, hanno provveduto ad ascoltare i testimoni ed avviato le indagini per risalire agli aggressori. Il gruppo di rumeni, infatti, sarebbe un habitué della mensa gestita dalla Caritas, motivo per il quale i loro volti potrebbero essere noti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rissa tra poveri nella mensa: rumeni pestano un marocchino

LeccePrima è in caricamento