Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Otranto

Rissa per la precedenza, con il crik frantuma un vetro

Otranto: due fratelli brindisini, un 19enne di Collemeto ed un 46enne di Corogliano d'Otranto denunciati. Quest'ultimo, in seguito alla disputa nata per futili motivi, ha sfondato anche un parabrezza

La stazione dei carabinieri di Otranto.

Il crick, soluzione ideale di tutti i guai dell'automobilista. Utile se fori, ma anche indispensabile compagno di battaglie se ti tagliano la strada. Chissà, magari l'ha pensata così L.C., 46enne di Corigliano d'Otranto, già noto alle forze dell'ordine, che ieri sera ha imbracciato l'attrezzo in dotazione nella sua auto per scopi ben poco pneumatici, ma piuttosto guerreschi. E per fortuna s'è limitato ad un utilizzo esterno, per così dire (cioè per frantumare un parabrezza), e non per suonarle ai due brindisini con cui aveva avviato un pesante diverbio, altrimenti si starebbe parlando d'altro. Il fatto è accaduto ieri sera in via Pantaleo Presbitero, ad Otranto.

All'origine di tutto, a quanto pare, una mancata precedenza. Il 46enne di Corigliano, accompagnato in auto da S.D.R., 19enne operaio di Collemeto (frazione di Galatina), avrebbe dato in escandescenza quando C.D., 23enne di Brindisi, e suo fratello S.D., di due anni più grande, entrambi operai e residenti a Fiorano Modenese, in Emilia-Romagna, lo avrebbero apostrofato pesantemente perché ritenevano, per l'appunto, di godere della precedenza in quel tratto di strada. Suonate di clacson e insulti hanno mosso l'uomo di Corigliano ed il giovane di Collemeto a rispondere, con il primo particolarmente esagitato, che, nell'ambito della rissa fra le due opposte fazioni, ormai scese in strada, ha dissotterrato il crick di guerra mandando in frantumi il vetro dell'auto dei due brindisini, una Ford Fiesta.

Tutto è finito quando alcune donne che accompagnavano il gruppetto di contendenti hanno avuto un malore. Cause di forza maggiore, che però non hanno salvato i quattro dall'arrivo di una pattuglia dei carabinieri della stazione di Otranto, chiamati per sedare quella pericolosa rissa. Per tutti è scattata la denuncia a piede libero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rissa per la precedenza, con il crik frantuma un vetro

LeccePrima è in caricamento