Tartaurga Caretta caretta: sul litorale ionico la prima nidificazione

Folla di curiosi, questa mattina, nell’Area marina protetta di Porto Cesareo. Guardia costiera e personale dell’Amp hanno messo in salvo l’esemplare

Anche guardia costiera e Amp sul luogo.

PORTO CESAREO – La prima nidificazione segnalata sullo Jonio del 2020. All’alba, il personale del lido “Le Dune” di Porto Cesareo ha segnalato ai dipendenti dell’Area marina protetta, la nidificazione di una tartaruga sulla spiaggia vicina. Gli operatori, assieme ai militari dell’Ufficio locale marittimo Torre Cesarea, si sono recati sul posto, prima che eventuali bagnanti potessero arrecare danni alla di Caretta caretta.

Le tracce del passaggio di una tartaruga sulla spiaggia dalla linea di riva giungevano fino a circa 15 metri sulla spiaggia emersa. La segnalazione si è rivelata fondamentale per la tutela della nidiata, poiché il sito ricade in un tratto frequentatissimo dai bagnanti. Nel giro di pochi minuti, infatti, la guardia costiera si è ritrovata circondata da centinaia di curiosi, tanto da dover recintare recintare il sito con dei lettini, evitando così gli assembramenti. Il personale ha operato con l’autorizzazione in deroga di cui al Centro di Recupero Tartarughe Marine dell’Area marina protetta di Torre Guaceto. 56b40f66-b8d6-4fae-80ea-fe9b6d41301e-3

Le tartarughe marine, specie protette ai sensi delle Convenzione di Berna, di quella di Bonn e della Convenzione di Washington, che considerano queste specie particolarmente protette, migratorie e soprattutto a rischio di estinzione, convenzioni tutte recepite dall’Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il presidente del Consorzio di gestione Amp Porto Cesaeo Remì Calasso, anche lui allertato alle prime ore del mattino dichiara: “Per la tutela la salvaguardia e la protezione delle specie marine, -spiega soddisfatto ed orgoglioso proprio Calasso - la nostra Riserva nazionale Porto Cesareo, è ormai ritenuta dagli addetti ai lavori fiore all’occhiello italiano ed europeo, e non solo per la bellezza del suo territorio, ma anche per le pratiche amministrative adottate”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni trovata morta in appartamento: è mistero

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Tragedia in ospedale: si lancia dal quarto piano, muore donna 73enne

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

  • La collisione, la caduta e la barca che affonda. “Sentivo il risucchio dell’elica”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento