I vicini non lo vedono da giorni e chiamano i soccorsi: 58enne in casa senza vita

La scoperta nel primo pomeriggio in città, nella zona di via Leuca. Preoccupati da giorni, i vicini di casa hanno allertato il numero di pronto intervento. I sanitari del 118 hanno rinvenuto il corpo ormai privo di vita, poi trasferito presso la camera mortuaria del "Vito Fazzi". Sul posto, anche gli agenti delle volanti

Foto di repertorio

LECCE – Quei giorni di silenzio hanno fatto preoccupare i vicini di casa i quali, nel primo pomeriggio, si sono rivolti al numero di pronto intervento. Non vedendo il proprietario dell’abitazione confinante da diversi giorni, hanno provato a citofonare per poi chiedere aiuto. Il macabro ritrovamento è avvenuto intorno alle 15, all’interno di un appartamento di via Amba Alagi, una traversa di via Leuca, poco distante dagli uffici della questura.

Sul posto sono accorsi i sanitari del 118 i quali si sono ritrovati davanti al corpo di un 58enne privo di vita: stando a una prima ispezione cadaverica eseguita dal medico legale, l’uomo sarebbe spirato per cause naturali. Sono sopraggiunti anche gli agenti di polizia della sezione volanti, per un sopralluogo all'interno dell'appartamento, per valutare l'ipotesi  dell'irruzione da parte di qualcuno.

La salma del 58enne, al termine degli accertamenti da parte del personale sanitario, è stato trasferito presso la camera mortuaria dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fanno sesso, poi diffonde i video e affigge immagini: revenge porn, incastrato

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • Mauro Romano, chiuse le indagini sull’ex barbiere: sequestro di persona

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Debito di droga si trasforma in incubo: lo minacciano davanti al nipote, tre in manette

Torna su
LeccePrima è in caricamento