rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Cronaca

Donna "scompare" dall'aeroporto: medico legge appello dei famigliari salentini, ritrovata in ospedale

Della donna non si avevano tracce dallo scorso 19 settembre, dopo l’atterraggio nello scalo di Fiumicino con un volo da Dublino

ROMA - Riconosciuta in foto da un medico, tramite un appello di ricerca diffuso dai famigliari e pubblicato sui giornali potrà ora riabbracciare i suoi cari. Sparita dallo scorso 19 settembre la donna, una insegnante leccese in pensione residente nella capitale, era ricoverata all'ospedale San Camillo di Roma. A darne notizia il fratello, contattato nella notte fra sabato e domenica dalla polizia per la lieta notizia, come scrive Mauro Cifelli su RomaToday.

Settanta anni, come racconta il fratello al nostro giornale, la donna era atterrata all'aeroporto Leonardo Da Vinci martedì scorso, di ritorno a Fiumicino dopo una breve vacanza a Dublino. Contattati i familiari dalla stessa, della donna si erano perse le tracce, con il telefono spento e nessuna informazione da parte della stessa.

Diffuso un appello di ricerca, la 70enne è stata riconosciuta da un medico dell'ospedale San Camillo, dove era stata portata la stessa notte di martedì scorso dopo essere stata trovata in stato confusionale nella zona dell'aeroporto di Fiumicino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna "scompare" dall'aeroporto: medico legge appello dei famigliari salentini, ritrovata in ospedale

LeccePrima è in caricamento