Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

La polizia trova dieci pannelli rubati nelle campagne. Indagini in corso

Gli agenti del commissariato di Galatina hanno rinvenuto le lastre, in una campagna alla periferia di Cutrofiano. Tenteranno di risalire, attraverso il numero identificativo, all'impianto da cui sono stati sottratti. I topi d'appartamento, intanto, sono tornati all'azione in città

@TM News/Infophoto

CUTROFIANO - Erano disseminati lungo una via di campagna, alla periferia di Cutrofiano. Dieci pannelli fotovoltaici sono stati, infatti, rinvenuti dagli agenti di polizia del commissariato di Galatina. Le lastre, tutte praticamente intatte, sono state recuperate nella notte dal personale guidato dal vicequestore aggiunto Giovanni Bono. Nel corso delle prossime ore, i dispositivi per la produzione di energia elettrica saranno analizzati, per chiarire da quale impianto siano stati prelevati.

Non vi sono dubbi, da parte degli inquirenti, che si tratti di parte della refurtiva sottratta da una banda di malviventi di recente. Nella zona dell’entroterra salentino non sono, infatti, mancati furti di pannelli fotovoltaici negli ultimi mesi. In un episodio avvenuto nel mese di dicembre, peraltro, i vigilantes di un istituto di sicurezza privato esplosero alcuni colpi di arma, dopo aver sorpreso i malviventi alle prese con alcuni movimenti sospetti di un campo fotovoltaico al nelle campagne di Lequile. O, ancora più plausibile, nella notte di Capodanno, i "cacciatori" di silicio fecero una razzia di pannelli anche a San Pietro in Lama, all'interno di un'area gestita da una ditta di Terni.

I responsabili dell'impianto si accorsero di un'anomalia attraverso i contatori di produzione. Contattarono il referente locale il quale, a sua volta, rivolse ai carabinieri della stazione locale. Durante il sopralluogo, i militari scoprirono 200 pannelli mancanti, per un valore di decine di migliaia di euro. Tramite il numero identificativo impresso sulle lastre, gli agenti sperano di poter individuare il proprietario, per la restituzione del bottino rimediato dai ladri. Questi ultimi non danno tregua neppure alle abitazioni di Lecce e provincia.

Nella mattinata di ieri, infatti, i malviventi si sono introdotti un appartamento di via Giovanni Boccaccio, nei pressi di Piazza Ariosto, e hanno portato un vassoio in argento e altri piccoli oggetti, per un valore di poche centinaia di euro. Ad accorgersi dell’ammanco, gli stessi proprietari dell’appartamento che, una volta rincasati, hanno allertato i poliziotti delle volanti. Non è tutto.

Nel pomeriggio, altri due colpi sono stati messi a segno ai danni di altrettante abitazioni, rispettivamente in via San Pietro in Lama, e all’ingresso di Torre Chianca, la marina leccese. Nel primo episodio, i malviventi hanno potato via soltanto un nuovo televisore, nel secondo si sono persino impossessati del tubo smontato da un climatizzatore. Anche in questi due episodi è intervenuto il personale della questura del capoluogo salentino.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La polizia trova dieci pannelli rubati nelle campagne. Indagini in corso

LeccePrima è in caricamento