Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca Litorale

Ennesima tartaruga rinvenuta senza vita: la pinna impigliata in un sacco

Il ritrovamento domenica, a Spiaggiabella, da parte di un operatore ambientale. Nulla da fare per l’esemplare di Caretta caretta, lungo circa 30 centimetri

La tartaruga rinvenuta dall'operatore ambientale.

SPIAGGIABELLA (Lecce) – L'anno in corso era stato già inaugurato P_20190217_125151-2. Ma nelle ultime ore, un’altra tartaruga vittima dei rifiuti in plastica e non abbandonati dall'uomo. Nella mattinata di ieri, infatti, un operatore ambientale dell’associazione Nogra si è imbattuto in un sacco di nylon sulla sabbia di Spiaggiabella, a pochi metri dal mare. Il tessuto era impigliato alla pinna sinistra di una piccola Caretta caretta di circa 30 centimetri e ormai senza vita.

Il volontario ha immediatamente contattato l’Unità di soccorso veterinario dell’associazione Ata-Pc Lecce per l’eventuale trasporto presso il Museo di Calimera ma, una volta sul posto, è stato confermato che la povera tartaruga era già morta da tempo. È stato intanto avvisato dell’accaduto il coordinatore del Parco di Rauccio e la polizia locale per il rilevamento e gli accertamenti del caso.

Purtroppo, sempre più spesso, la fauna marina è vittima dello scempio e dell’inquinamento dell’uomo che, a cuor leggero, continua ad abbandonare, nel mare o sulle spiagge, materiale plastico e rifiuti di ogni genere. Per dire "No" all'inquinamento e alla plastica numerosi lidi salentini hanno aderito all'iniziativa, a partire dalla prossima estate, relativa all’utilizzo di bicchieri e stoviglie biodegradabili, seguendo la direttiva europea che, dal 2021, imporrà agli Stati membri l'abbandono definitivo ai dieci oggetti di plastica monouso maggiormente utilizzati sulle spiagge.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ennesima tartaruga rinvenuta senza vita: la pinna impigliata in un sacco

LeccePrima è in caricamento