Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Ruba una motozappa, scoperto riconsegna l'attrezzo messo a nuovo

Identificati gli autori di due furti avvenuti a Tricase. Nel secondo caso il ladro è stato immortalato da una videocamera

LECCE - Ha atteso l'alba per introdursi in un’abitazione di Tricase e rubare una motozappa. Appena scoperto il furto, la vittima ha allertato la stazione dei carabinieri, che hanno subito avviato le indagini. A seguito di vari riscontri, i militari hanno concentrato i sospetti su M.P., 52enne del luogo, notato aggirarsi nei giorni precedenti proprio in quell’area, nella zona di Tricase Porto. Quando i militari lo hanno rintracciato e contattato, il 52enne non ha potuto che ammettere le proprie responsabilità. Si è quindi presentato in caserma, riconsegnando la motozappa rubata, che è stata immediatamente restituita al proprietario, con suo sommo compiacimento. Il 52enne, infatti, prima di essere scoperto, aveva provveduto ad oliare meticolosamente gli ingranaggi dell’attrezzo agricolo: a tutto vantaggio e soddisfazione della vittima ritornata in possesso di un bene in condizioni migliori di quelle in cui si trovava precedentemente.

Un altro caso di furto ha portato all'individuazione di D.S.D, 44enne di Miggiano, volto noto ai carabinieri di Tricase. Ad attirare l'uomo, che si occupa di volantinaggio, un cellulare all’interno di un furgone momentaneamente parcheggiato in una via del centro di Tricase, lasciato dal proprietario con i finestrini aperti, per le alte temperature di questi giorni. Il ladro ha colto al volo l’occasione arraffando con un gesto fulmineo l’oggetto del valore di oltre 270 euro. Non si è però accorto che il gesto è stato videoripreso da una telecamera di sorveglianza. I carabinieri, dopo aver acquisito le immagini, hanno subito identificato il 44enne. Quest’ultimo ha avuto probabilmente sentore che qualcosa non è andato per il verso giusto è si è disfatto del telefono, pensando di sfuggire così alle proprie responsabilità. Ovviamente non è servito a evitargli una denuncia per furto aggravato.

Il proprietario della ditta dove lavora il dipendente dalla "mano lunga", messo al corrente dell’accaduto, ha deciso molto altruisticamente di riparare al danno prodotto dal proprio dipendente contattando la vittima del furto e risarcendola del valore economico del telefono.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba una motozappa, scoperto riconsegna l'attrezzo messo a nuovo

LeccePrima è in caricamento