Cronaca Via Adriatica

Rubano gioielli per migliaia di euro, scoperti e denunciati dalle vittime

Due cingalesi erano stati vittime di un furto. Hanno identificato i presunti autori, chiamando la polizia. Uno è un afgano che ha consegnato spontaneamente parte della refurtiva. Altra denuncia per furto di merce dall'Eurospin

LECCE – Furti negli appartamenti, come negli esercizi commerciali, un fenomeno dilagante, certo, ma non sempre la ciambella riesce col buco, a chi ci prova. Lo sanno bene i tre cittadini stranieri che la polizia ha denunciato, perché protagonisti di due diversi episodi. In un caso, le vittime sono a loro volta extracomunitari che, avendo individuato gli autori del furto, non hanno esitato ad informarne gli agenti delle volanti. E, una volta rinvenuto il malloppo, il cerchio s’è chiuso in modo definitivo.

Il fatto è avvenuto a Lecce, ieri pomeriggio. Gli agenti sono intervenuti presso un agriturismo di via Adriatica. Sul posto, due cittadini originari dello Sri Lanka, hanno indicato in T. R., un afgano  di 34 anni, l’autore del furto nella loro abitazione, già denunciato presso la stazione di carabinieri di Lecce “Santa Rosa” il 6 febbraio scorso.

L’afgano, che presso quell’agriturismo svolge la funzione di aiuto cuoco, messo alle strette dai due accusatori e dagli stessi agenti, alla fine è entrato in cucina, all’interno di un deposito e, dopo averlo prelevato da un ripiano, ha consegnato un sacchetto di plastica, di colore rosso, contenente monili in oro giallo, di particolare e pregiata lavorazione, per un valore di qualche decina di migliaia di euro. Era una parte della refurtiva sottratta in casa dei due cingalesi: tredici bracciali, sette collane, quattordici paia di orecchini, tre ciondoli e undici anelli.

Tuttavia, alle vittime, al momento della verifica, mancavano ancora quattro collane, un ciondolo, due bracciali, quattro anelli da uomo, anche questi in oro giallo, e, inoltre, un computer, mille euro in contanti e un telefono cellulare.

Proseguendo nelle verifiche, all’interno della custodia del permesso di soggiorno di N. M., un altro afgano, 19enne, gli agenti hanno trovato la scheda contenente codici Pin e Puk dell’utenza relativa al telefono cellulare rubato. Peraltro, il giovane è stato indicato dal 34enne come il suo complice del furto. Entrambi sono stati denunciati a piede libero.

Sempre nel pomeriggio di ieri, gli agenti delle volanti sono intervenuti anche presso il supermercato Eurospin di via Cicolella, su richiesta del responsabile. Questi ha spiegato che poco prima, un individuo, dopo aver rubato merce dagli scaffali di esposizione, si era allontanato senza passare dalle casse per il pagamento. Fornita la descrizione del ladro, fuggito a piedi lungo la circonvallazione, nel tratto viale Rossini, verso l’ex ospedale “Galateo”, due volanti si sono poste alla ricerca dell’uomo, rintracciato  poco dopo, in direzione della strada statale 16.

Fermato e perquisito, in uno zaino i poliziotti hanno trovato sei bottiglie di super alcolici e generi alimentari, per un valore di poco più di 63 euro. L’uomo, D.A., polacco, 50enne, già noto precedenti analoghi, è stato denunciato a piede libero. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubano gioielli per migliaia di euro, scoperti e denunciati dalle vittime

LeccePrima è in caricamento