Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Rubano in un'abitazione e vanno al bar a 200 metri a giocare alle slot

Cristian Solida, 22enne di Tuglie, è stato arrestato per l'ennesima volta per furto in una casa, e questa volta in compagnia di una complice, una ragazza di 18 anni. I carabinieri l'hanno rintracciato a breve distanza dal luogo del reato. Si era già giocato quasi tutti i soldi rubati

TUGLIE - I carabinieri della stazione di Sannicola hanno tratto in arresto, questo pomeriggio, Cristian Solida, 22enne di Tuglie, con l’accusa di furto aggravato. Nello stesso ambito, i militari hanno denunciato G.C., 18enne di Tuglie, che avrebbe partecipato alla vicenda.

Tutto è nato dalla denuncia di un’anziana di Tuglie, che s’è presentata in caserma riferendo che poco prima un uomo e una donna, molto giovani, si erano introdotti in casa, dopo aver dopo aver infranto una finestra. Penetrati quindi da una credenza della cucina, avevano rubato circa 150 euro.

I carabinieri della stazione di Sannicola, grazie alla descrizione fornita, hanno riconosciuto in particolare il maschio. A loro avviso non poteva che trattarsi di Solida, già pizzicato in diverse altre occasioni e sempre per lo stesso reato. Nell’aprile scorso, ad esempio, è stato incastrato da un testimone ed ha ammesso di aver venduto la refurtiva a un compro oro. Alla fine  dello stesso mese, è stato ulteriormente denunciato per altri episodi. Non contento, nel settembre scorso, è finito nuovamente nei guai per l’ennesimo tentativo di furto. E ancora una volta è stato riconosciuto e incastrato.

solida-cristian-2-2-2-2-2Nonostante gli sia spesso andata male, dunque, anche oggi ci ha riprovato, ma nel giro di pochi minuti i carabinieri l’hanno rintracciato. Era in un bar, ad appena 200 metri dalla casa della vittima, in compagnia della ragazza. Si era messo a giocare alle slot-machine. E dalla descrizione della donna, s’è capito subito che lei doveva essere la complice.

Solida, come già in altre occasioni, non s’è nascosto. Ha subito ammesso le sue colpe, riferendo che la somma rubata era stata quasi tutta spesa per il gioco. In buona sostanza, ha restituito appena 20 euro.

La coppia è stata quindi condotta in caserma. Solida, visti i numerosi precedenti, è stato dichiarato in arresto e, su disposizione del pm di turno, Paola Guglielmi, posto ai domiciliari. La ragazza, invece, è stata denunciata a piede libero. I pochi soldi recuperati, sono ritornati alla vittima.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubano in un'abitazione e vanno al bar a 200 metri a giocare alle slot

LeccePrima è in caricamento